Caffè & brioche

stampa

Che pena mi ha fatto vedere il padre di Luigi Di Maio che, di fronte alla telecamera piazzatagli in faccia dai compagnucci del figlio, per diversi minuti si “discolpa” di aver sbarcato il lunario in qualche modo (come tanti milioni di italiani) anche per dare un desco e un futuro al figlio. Che, se fosse tale, avrebbe dovuto prendere quella telecamera e buttarla dalla finestra, abbracciando il padre e ringraziandolo “nonostante tutto”. Invece, crucifige. Col figlio a fustigare per salvarsi la carriera. Che pena…

Bella inchiesta di Sky Tg24 sul biologico italiano. Per farla breve: i controllori sono quattro gatti, guardano solo o soprattutto la regolarità delle carte e, dulcis in fundo, sono pagati dai… controllati. Come disse Cangrande a Dante, ‘ndemo ben…

Sai che sei soffice come mio nonno? E hai gli stessi capelli… Mamma mia, fa venire i brividi vedere quella bambina (perché autistica? È una bambina e basta!) che, presa in braccio dal presidente Mattarella, ne approfitta per fargli pof pof sulle guance, per vedere se sono come quelle di papà o del nonno. E l’altro che si gode un mondo, qualche secondo distratto dagli “impegni istituzionali” che certo tanto gradevoli non devono essere. Non almeno quanto un puffetto sulle guance ricevuto da una bambina.

Alla fine ci si abitua a tutto e non si fa più caso a niente. Però quale città ha uno splendido albero di natale che ti accoglie al suo ingresso da sud? Quale una gigantesca stella cometa che fuoriesce dall’anfiteatro romano in una piazza stupenda? Quale una nuova funicolare che, presa di notte, ti fa vedere le mille luci del centro? Quale una giostra sul lungadige che ti sembra di stare sopra il fiume? C’è di peggio, in giro: possiamo perdonare pure il mercatino di piazza Dante, insulso.

Sarà operativa dal prossimo primo gennaio la tassa sui soldi mandati a casa dagli stranieri attraverso i cosiddetti money transfer, insomma le rimesse degli immigrati. Ci teniamo un 1,5% sulle transazioni finanziarie da 10 euro in su, il totale in un anno è stimato in 60 milioni di euro, se ancora queste persone faranno trasferimenti in questo modo e non usando il “sommerso”. Insomma, tassiamo i più poveri per finanziare il cosiddetto reddito di cittadinanza da dare ai più poveri. Cos’è che ci sfugge in questo passaggio, che sembra demenziale? Che la misura – targata Lega – toglierà soldi ai “non italiani” per darli agli italiani con una misura targata 5 Stelle. Tutto liscio, no?

Si stanno avvicinando i giorni di Job&Orienta, la manifestazione fieristica su orientamento, formazione e lavoro che sarà visitata da molti politici nazionali, ad iniziare dal vice-presidente del Consiglio, Luigi Di Maio. Grande l'interesse a capire come si possa sbarcare il lunario, una volta che finisca l’attuale situazione occupazionale… 

Arriva in tivù il film su Winston Churchill, premiato con l’Oscar. E a rivedere Churchill, si fanno i paragoni con i nostri attuali due Dioscuri vicepremier. Beh, lasciamo stare i santi tipo Churchill o De Gasperi, passiamo ai paragoni con i fanti: Fanfani e Nenni? Mmh… De Mita e Craxi? Cala, cala… Mastella e Bertinotti? No: il paragone guizza nella mente all’improvviso. Franco e Ciccio, per chi conserva un po’ di memoria storica. Anche loro facevano molto ridere.

Fino a qualche anno fa i territori presentavano ai visitatori (e non) le prelibatezze più pregiate o particolari, dal prosciutto crudo ai tartufi fino al cous cous. Poi la questione si è allargata alle anare pitanare, alle patate fino ad arrivare alle… verze. La sagra delle verze… Siamo ormai alla frutta.

Oggi ci sarebbe stata una lista lunga così di argomenti di cui parlare, dalla pace nel mondo in giù. Ma parliamoci chiaro: a cosa pensano gli italiani in questo uggioso venerdì? Al Black Friday! Alla Galassia non c’era un parcheggio libero già alle 9, all’Adigeo c’è da avere paura, e così in molti altri posti. Finalmente un popolo liberato dalla tirannia e dalla penuria di beni materiali, può finalmente sfogarsi e acquistare quel televisore 60 pollici oled che mi hanno fregato da sotto gli occhi…

La Procura di Catania (città svizzera) se l’è presa con una nave di una Ong (Medici senza frontiere) che salva persone nel Mediterraneo – cosa che irrita parecchio il procuratore della Repubblica di quella città – accusandola di “smaltimento illecito dei rifiuti”. È vero che a Catania, come nel resto della Svizzera, è tutto lindo, con neanche una cicca per terra. E nel porto di Catania arrivano navi asettiche, con marinai che scendono con i guanti sulle mani. Quindi è in malafede chi ritiene che ci sia un lieve fumus persecutionis e una certa voglia di comparire sui mass media: la pulizia prima di tutto. Calogero Tell, il fratello catanese di Guglielmo, approverebbe.