Editoriale
stampa

“Tanto è lo stesso” In verità no!

Sembra che alcune persone vivano su un altro pianeta, ma invece vivono proprio nel nostro e a quanto sembra non ne hanno molta cura...

Parole chiave: Tossici (1), Editoriale (337), Rifiuti (3)

Sembra che alcune persone vivano su un altro pianeta, ma invece vivono proprio nel nostro e a quanto sembra non ne hanno molta cura. Sono coloro che hanno un unico obiettivo nella vita: pensare solo a se stessi. E hanno anche una valida, a loro dire, giustificazione: “Tanto è lo stesso”.
Se vendo i rifiuti tossici al posto dei fertilizzanti, inquinando mezza Pianura Padana, cosa importa? Tanto non se ne accorgono. Se per non fermare una funivia che manda segnali di malfunzionamento manometto il freno di emergenza, cosa importa? Tanto il cavo tiene lo stesso. Se per non rallentare la produzione di un telaio tessile disattivo i dispositivi di sicurezza, cosa importa? Tanto l’addetto è esperto. L’elenco degli esempi potrebbe essere praticamente infinito e sempre ritorna questo mantra dell’irresponsabilità: fare o non fare è la stessa cosa. Rafforzato  ulteriormente dal “se non lo faccio io, lo farà qualcun altro”. Poi, quando capita la disgrazia, un po’ ci si indigna e un po’ si maledice la sfortuna… e poi tutto passa.
Non so se per superficialità, per senso di onnipotenza o per ottusità dovuta ad ignoranza – per deliberata intenzione di nuocere non dico, anche se talvolta tutto porterebbe a crederlo –, queste persone che molte volte hanno in mano la vita dei cittadini, pensano a tutto tranne che a coloro di cui dovrebbero prendersi cura.
Naturalmente il pianeta “Tanto è lo stesso” ha diversi livelli di appartenenza: si va dal cittadino distratto che non fa la “differenziata”, al peccato occasionale del tipo: “ho un rimorchio di rifiuti provenienti dal mio allevamento, chiamare un ditta specializzata mi costerebbe molto, sono in difficoltà finanziarie; beh, per una volta svuoto tutto nel fiume…, ma giuro che non lo faccio più”; fino all’organizzazione criminale che programma, gestisce e comanda il business dell’illecito.
Invece non è lo stesso, un pianeta di riserva non ce l’abbiamo, quando succede una disgrazia non possiamo riavvolgere il nastro e rimediare. Anche se nessuno vede, anche se il cavo regge, anche se “per una volta non è la fine del mondo…”, no, non è lo stesso!
Così è la fine della società, del vivere comune, del sentirsi appartenenti gli uni agli altri. È la fine del bene comune e il trionfo dell’individualismo che non capisce il valore della vita. Torniamo sulla Terra!

Tutti i diritti riservati
“Tanto è lo stesso” In verità no!
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento