Condiscepoli di Agostino
stampa

Commento al Salmo 144

Sintesi del commento di sant’Agostino al salmo 144: Dio ha consegnato all’uomo le parole con cui lodarlo degnamente...

Sintesi del commento di sant’Agostino al salmo 144: Dio ha consegnato all’uomo le parole con cui lodarlo degnamente. Amando il bene diventiamo migliori. Dalle sue opere lodiamo l’artefice, dalle cose fatte l’Autore, dalla Creazione il Creatore. Rischio di magnificare le opere e di dimenticarne l’autore. Dio non si è dimenticato della sua opera, l’uomo, che si è dimenticato di Lui. Mangiare ed eruttare la memoria che Dio ha di noi. Tutto è sgorgato dalla misericordia, non dai tuoi meriti che sono suoi doni. Guai alla disperazione! Guai alla speranza perversa. Dio ha impresso l’ordine in ogni cosa. Alla ricerca della bellezza delle cose della terra che parla con la sua bellezza silenziosa, che non può avere origine da sé, ma dalla Bellezza, che tu lodi. Ogni bellezza proclama: non mi sono fatta da me, ma Dio mi ha fatto: “Oso dire alla vostra Carità: perché Dio fosse lodato bene dall’uomo, Dio stesso si è lodato; e poiché si è degnato di lodare se stesso, per questo l’uomo ha trovato il modo con cui lodare Lui. Se l’uomo loda se stesso è arroganza; se si loda Dio è misericordia. Giova amare Colui che si loda; amando il bene, noi diventiamo migliori. Pertanto, poiché Dio sa che questo (il lodarlo) giova a noi, per amarlo, lodando sé si è fatto amabile. ‘La sua grandezza non ha limiti’. Colui che non riusciamo a comprendere, dobbiamo lodare. Poiché siamo insufficienti di fronte alla sua grandezza, per ristorarci della sua bontà, rivolgiamoci alle sue opere, e dalle sue opere lodiamo l’artefice, dalle cose fatte l’Autore, dalla Creazione il Creatore. Nella scuola vengono proposte ai bambini la lode del sole, la lode del cielo, la lode della terra. Si celebrano le opere, si tace dell’autore. Nelle opere io voglio che sia lodato il Creatore. In ciò che vedi, che cosa viene lodato? La bellezza, l’utilità, qualche energia, qualche potenza propria di queste cose. Se ti diletta la bellezza, che cosa c’è di più bello del suo autore? ‘Erutteranno il ricordo dell’abbondanza della tua soavità’. Tu non ti sei dimenticato di noi, mentre noi ci siamo dimenticati di Te. Ogni carne si era dimenticata di Dio; Egli, tuttavia, non si è dimenticato della sua opera. Questa sua memoria sopra di noi, poiché è assai dolce, deve essere mangiata, deve essere eruttata. La mangi quando ascolti; la erutti quando predichi. Tutto è sgorgato dalla misericordia. In alcun modo non inorgoglirti dei tuoi meriti, poiché anche i tuoi meriti sono doni suoi. Sono da temere ambedue queste cose; ambedue pericolose: guai alla disperazione! Guai alla speranza perversa Non dire dunque: ‘Domani mi convertirò’. ‘Tutte le tue opere confessino a Te’. Questa ordinatissima bellezza tutta intera loda Dio. La bellezza della terra in un certo senso è la voce muta della terra. Perché dunque tutta intera loda Dio? Perché quando la prendi in considerazione e la vedi bella, tu in essa lodi Dio. Non è forse vero che, considerata l’universale bellezza di questo mondo, la stessa bellezza come con una sola voce risponde: non mi sono fatta da me, ma Dio mi ha fatto? Quanto è potente Dio che ha fatto la terra! Quanto è potente Dio che ha riempito la terra di beni! Quanto è potente Dio che ha dato vita propria agli animali! Quanto è potente Dio che alle viscere della terra ha dato diversità di semi per far germinare una così grande varietà di frutti, una così grande bellezza degli alberi! Quanto è potente Dio; quanto è grande Dio! Interroga la creatura e la creatura ti risponde; e dalla sua risposta, come dalla confessione della creatura, tu, santo di Dio, benedici Dio e parla della sua potenza. Osservate il mondo presente: ha un suo splendore. Quale maestosità ha la terra, il mare, l’aria, il cielo, le stelle!”

Tutti i diritti riservati
Commento al Salmo 144
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento