Spiato in tv
stampa

Un’operazione nostalgia assai deludente

Il bizzarro titolo Poco di tanto è stato posto a un appuntamento in tre puntate che Rai 2 manda in onda in prima serata in diretta concorrenza con la seguitissima fiction Vivi e lascia vivere, in palinsesto sul primo canale della tv di Stato...

Parole chiave: Poco di tanto (1), Maurizio Battista (1), Spiato in tv (136), Rai 2 (5)
Un’operazione nostalgia assai deludente

Il bizzarro titolo Poco di tanto è stato posto a un appuntamento in tre puntate che Rai 2 manda in onda in prima serata in diretta concorrenza con la seguitissima fiction Vivi e lascia vivere, in palinsesto sul primo canale della tv di Stato. La nuova trasmissione ha come tema la rivisitazione degli anni ’60, ’70 e ’80 del secolo scorso. Un programma, dunque, di ricordi, che per le recenti esigenze sanitarie si è dovuto pesantemente ridimensionare nel suo cast, tanto che l’unico personaggio davanti alle telecamere, a parte qualche breve incursione di pochi artisti, è Maurizio Battista (nella foto), interprete così di un lunghissimo monologo. Più di un’ora e mezza d’intrattenimento condotto ispezionando un appartamento allestito come se ci trovassimo ancora nel decennio che s’intende presentare e far rivivere. Ogni angolo, ogni locale, ogni suppellettile e allestimento degli ambienti aiuta così a raccontare un’epoca passata con i propri idoli, simboli, ideali e modi di affrontare la vita quotidiana. Infatti gli oggetti posti in quell’appartamento inesorabilmente vuoto dovrebbero, secondo le  intenzioni, fornire uno sprazzo di come si viveva negli anni passati. L’operazione pero è deludente. Come comico, Battista non fa ridere e come conduttore verrebbe da dire che fa proprio piangere o, meglio, non è in grado di sostenere il ruolo che gli è stato affidato. Chi ha vissuto in quel tempo fa fatica a ritrovarsi nelle sue parole, nei luoghi comuni già tante volte portati sul piccolo schermo che s’intendono evocare, mentre chi non li ha visti di certo fa fatica a capire lo spirito che animava quegli anni. È risultata migliore, per raggiungere lo scopo di far conoscere un decennio, la fiction Raccontami, o anche, per alcuni versi, Il Paradiso delle Signore così come i tanti programmi radiofonici e televisivi di Umberto Broccoli, capace come pochi di dare – con maestria, competenza e brio – anima a cose e situazioni. Manca al programma di Battista il tono della coralità. I suoi sono solo modesti frammenti di racconti personali non sempre brillanti od originali che stancano. Il ritmo è troppo lento e i filmati di repertorio sono già stati visti più volte in parecchie altre occasioni, e ciò che si propone non ha più il sapore della raccolta inedita. Il 3,5% circa di share raccolto nella prima puntata, dice tutta la fatica di un programma che non ha spina dorsale. Il titolo, allora, alla luce dei fatti, è davvero azzeccato, riuscendo a proporre solo poco di ciò che invece sono stati quegli anni in termini di vita, cronaca, società, costume, sport e spettacoli.

Tutti i diritti riservati
Un’operazione nostalgia assai deludente
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento