Spiato in tv
stampa

Quell’incommensurabile tesoro che è la voce umana

È praticamente mezzanotte quando Rai 2 il martedì trasmette Voice anatomy. Il programma, dopo essere andato in onda per quattro stagioni su Radio 24, ora è approdato in televisione. A far da padrone di casa in questo assai interessante viaggio sui grandi temi della capacità di parlare ed emettere suoni della gola umana è l’attore e doppiatore Pino Insegno (nella foto).

Parole chiave: Voice anatomy (1), Pino Insegno (1), Spiato in tv (148)
Quell’incommensurabile tesoro che è la voce umana

È praticamente mezzanotte quando Rai 2 il martedì trasmette Voice anatomy. Il programma, dopo essere andato in onda per quattro stagioni su Radio 24, ora è approdato in televisione. A far da padrone di casa in questo assai interessante viaggio sui grandi temi della capacità di parlare ed emettere suoni della gola umana è l’attore e doppiatore Pino Insegno (nella foto). Messi da parte i panni del comico, il conduttore si addentra nel mondo pressoché sconosciuto al grande pubblico dei tanti modi di impostare la propria voce. Se per ogni bambino in età scolare è importante apprendere a leggere e a scrivere, altrettanto degno di nota risulterebbe riuscire a parlare in modo che gli interlocutori possano agevolmente capire quanto è pronunciato. Ad affiancare il presentatore in questo itinerario vengono in aiuto alcuni esperti di fonetica o di dizione che consegnano ai telespettatori delle interessantissime pillole di saggezza per riuscire a pronunciare sempre meglio e in modo capibile i vocaboli. In uno studio dalle luci soffuse, quasi a metà tra una cabina di registrazione e una sala d’ascolto, sono stati invitati nella prima puntata due dei migliori doppiatori italiani, Luca Ward e Francesco Pannofino, che senza mai abbandonare il loro primo “amore” sono diventati a loro volta interpreti di fiction di successo, rispettivamente Elisa di Rivombrosa e Nero Wolfe. Nella trasmissione non manca mai una parte d’intrattenimento musicale affidata ai Cluster.
Se i vari segmenti del programma, della durata di un’ora, sono tutti interessanti, come ad esempio quello dove un bravo giovane riproduce con la voce i suoni della batteria, l’amalgama tra le diverse componenti non riesce, però, perfettamente. Si fatica a dare un’anima al programma, a metà tra l’appuntamento di divulgazione scientifica e lo spettacolo di varietà. Pino Insegno mette di certo tanta buona volontà in questo nuovo appuntamento televisivo settimanale, ma finora la trasmissione, prevista in dieci puntate, fatica a ingranare. Se non vi è nulla da dire come artista della voce, di certo il mestiere di conduttore non gli calza ancora a pennello. La particolare intonazione, infatti, impiegata nel pronunciare qualsiasi parola tante volte è determinante per esprimere compiutamente quanto s’intende comunicare. Il programma, dunque, scritto e interpretato in modo delicato, quasi sottovoce, vista la sua collocazione in palinsesto, meriterebbe, dopo una revisione generale, un’ora di mesa in onda di certo più favorevole.

Tutti i diritti riservati
Quell’incommensurabile tesoro che è la voce umana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento