Commento al Vangelo domenicale
stampa

La triplice confessione dell’apostolo Pietro

Giovanni 21,1-19

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti. Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

Parole chiave: Vangelo (395), Terza Domenica di Pasqua (5)
La triplice confessione dell’apostolo Pietro

Viene proclamato in questa liturgia pasquale il racconto dell’apparizione del Risorto lungo le rive del lago di Tiberiade. Il Cristo interviene in tre momenti successivi: nella pesca miracolosa che ha il valore di segno della presenza efficace del Signore risorto; nel banchetto del Cristo con i suoi discepoli, segno di comunione e di intimità; infine, nel dialogo con Pietro, segno della missione della Chiesa. Si tratta di una viva rappresentazione della figura del Risorto nella sua azione efficace, nella sua vicinanza al fedele, nella sua presenza nella Chiesa attraverso il ministero apostolico. Si è, quindi, di fronte a un’esperienza che possiamo anche noi ripetere ogni volta che Cristo si fa riconoscere con i suoi segni d’amore presenti nella storia; ogni volta che spezza con noi il pane eucaristico; ogni volta che nella Chiesa ci offre la sua Parola e la sua salvezza.
Il Vangelo di questa terza domenica di Pasqua mette in scena un attore particolare: l’apostolo Pietro, in un ambiente già conosciuto: il lago di Tiberiade, quello specchio d’acqua che era stato la cornice della sua precedente storia di pescatore. Il primo quadro si articola in due momenti: la pesca miracolosa e il banchetto che il Signore condivide con i suoi discepoli. La scena della pesca è subito inquadrata da una cornice narrativa nella quale si affacciano sette persone. Sulla scena irrompe un personaggio nuovo e sconosciuto che propone a questi uomini, delusi per non avere pescato nulla nella notte appena conclusa, di rischiare ancora.
I discepoli non riconoscono subito il Risorto. Il mancato riconoscimento del Cristo risorto è una componente costante delle apparizioni pasquali, come il caso della Maddalena, che scambia il Cristo con il custode del giardino sepolcrale. C’è, quindi, una strada diversa da percorrere per incontrare e riconoscere il Cristo glorioso. Essa non è più quella della semplice consuetudine familiare, degli occhi e dei sentimenti, è invece il cammino della fede. Un cammino che non è privo, però, di segni comprensibili: è il caso della pesca miracolosa coi suoi 153 grossi pesci.
Pietro, sulla scia del “discepolo che Gesù amava”, riconosce il suo Signore e si getta verso di Lui con tutto l’impulso del suo amore. Si apre a questo punto la scena del banchetto, semplice e sorprendente, sulla spiaggia: infatti, anche Gesù mangia come i suoi discepoli la sua porzione di pesce arrostito; ma quella povera mensa di pescatori a causa di quella presenza straordinaria, rimanda ad altre cene, soprattutto a quelle celebrate nel Cenacolo o dai discepoli di Emmaus.
A questo punto viene presentato un secondo quadro, tutto incentrato sul dialogo molto profondo tra Gesù e Pietro. Sembra quasi di essere davanti ad una piena riabilitazione di Pietro, che cancella con una solenne, triplice confessione il suo triplice rinnegamento prima della morte di Gesù. E la radice di questo perdono è nell’amore, che diventa anche il fondamento della specifica missione ora comunicata all’apostolo.
La missione di Pietro e del gregge che è chiamato a guidare sarà fruttuosa soltanto se egli obbedirà alla Parola del Signore, che garantisce, con il dono dello Spirito, l’efficacia dell’evangelizzazione. Alla Chiesa non resta che un’obbedienza carica di fiducia, come fu il gesto dei discepoli che calarono la rete nonostante la precedente esperienza di fallimento.

Tutti i diritti riservati
La triplice confessione dell’apostolo Pietro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento