Sport

Preziosissima e meritata vittoria dell'Hellas nel derby contro un Chievo sempre più inguaiato nei bassifondi della classifica, dimostratosi nervoso (6 ammoniti) ma soprattutto incapace di reagire al gol di Caracciolo al 53'. Il Verona dopo il gol ha saputo difendere alla grande il risultato e ora vede la salvezza più vicina.

È nota come "la corsa più vecchia del mondo" e quest'anno taglia il traguardo dell'edizione numero 601. Il Palio del drappo verde si terrà a Verona domenica 18 marzo. 

Dopo dieci partite ritorna alla vittoria un Chievo caparbio e combattivo contro il Cagliari che viene così raggiunto in classifica a quota 25. I gol tutti nella ripresa: al 74' con una magistrale punizione di Giaccherini, entrato da poco per Birsa; due minuti dopo con Inglese che supera Padoin e batte Cragno di destro; all'82' i sardi accorciano con uno spettacolare colpo di testa in tuffo di Pavoletti su cross di Lykogiannis.

Doppia vittoria per le genovesi nello scontro con le formazioni gialloblù. Se la Samp vince in casa 2-0 contro l'Hellas (reti di Barreto al 5' e Quagliarella su rigore all'85'), il Chievo viene battuto sul proprio terreno al 91' dal Genoa con un gol di Laxalt. E adesso anche per i pandorati (2 punti nelle ultime dieci partite) è davvero crisi.

Curiosando tra le pieghe del calciomercato appena concluso si scopre che il ChievoVerona ha ceduto Emanuele e Massimiliano Gatto (non sono parenti) e ha preso in prestito il serbo Petar Micin. Come diceva il vecchio Trap: «Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco»

Squadra in fase di smobilitazione? Tutt'altro! Meritatissima vittoria esterna dell'Hellas per 4-1 a Firenze. Al 12' l'esordiente Vukovic di testa, al 20' raddoppio di Kean che insacca dopo slalom ubriacante di Matos, al 46' secondo gol del 17enne attaccante, al 53' accorcia la Fiorentina con Dias, al 55' quarto gol con il difensore Ferrari che approfitta di uno svarione di Laurini a centro area. Romulo sontuoso e Pecchia salva la panchina.

Vittoria sofferta per 2-0 della peggior Juventus della stagione in casa del Chievo con gol di Khedira (67') e Higuain (87'), giunti entrambi con i padroni di casa in nove per le espulsioni di Bastien al 37' per doppia ammonizione e di Cacciatore al 62' per un gesto plateale nei confronti dell'arbitro Maresca. Due ingenuità costate davvero care.

Un grande successo con 25mila presenze lo scorso fine settimana. La Montefortiana non ha deluso le attese degli appassionati di sport, dagli agonisti sino agli amatori del podismo. Tutti hanno potuto divertisrsi nelle diverse iniziative proposte dalla manifestazione di Monteforte d'Alpone, giunta quest'anno alla sua 43ª edizione.

Pesante sconfitta casalinga per l'Hellas nello scontro-salvezza con il Crotone e contestazione del pubblico al termine della partita. 3-0 per i pitagorici e salvezza che si allontana a cinque punti. Gara subito in salita (3' Barberis su punizione), occasionissima divorata da Romulo. Nella ripresa entra Pazzini, il Crotone raddoppia con Stoian (54'), Zuculini si fa espellere per un fallaccio a metà campo (61'). Al 67' il tris di Ricci. Mister Pecchia in bilico e squadra in ritiro.

Per gli amanti della corse e delle camminate all’aria aperta sta per arrivare la Montefortiana, grande manifestazione podistica organizzata dal Gsd Valdalpone De Megni. L’appuntamento, che si svolgerà a Monteforte d’Alpone tra sabato 20 e domenica 21 gennaio, offrirà un ricco programma sportivo per valorizzare le colline dove si producono i vini Soave e Recioto di Soave...

Dura 65 minuti la resistenza del Verona al monologo del Napoli, finché Koulibaly insacca di testa da zero metri su cross da calcio d'angolo. Al 78' il raddoppio di Callejon che infila Nicolas sul suo palo. La debole conclusione di Pazzini partito in contropiede su lancio di Romulo all'82' è stato l'unico tiro dell'Hellas nello specchio della porta. Dopo la sosta, scontro decisivo al Bentegodi con il Crotone.

Finisce 1-1 la prima partita del 2018 tra Chievo e Udinese. Tutto si decide nel primo tempo: al 9' Radovanovic porta in vantaggio i padroni di casa con un gran gol; al 15' il raddoppio di Cacciatore viene annullato per intervento del Var e al 40' l'Udinese pareggia grazie ad una fortunosa autorete di Tomovic. Secondo tempo poco spettacolare.

Vince per 3-1 la Vecchia Signora sul campo del Bentegodi, ma non è stata una passeggiata. In vantaggio dopo 6' con Matuidi, viene raggiunta da uno splendido gol di Caceres al 58', ma dopo 13' si scatena Dybala che in cinque minuti realizza la doppietta decisiva. E il 6 gennaio l'Hellas affronterà in trasferta la capolista Napoli.

Prima, meritata vittoria in campionato del Benevento (gol di Coda al 64') allo stadio Ciro Vigorito contro un Chievo in crisi: un punto nelle ultime cinque partite. Reazione tardiva e confusa dei gialloblù, dopo un primo tempo senza spessore. E se si pensa al dopo-Inglese...

Netta vittoria dell'Udinese contro un Verona decimato dalle assenze che ha retto per soli 25 minuti. Troppo ampio il divario tecnico e agonistico tra le due formazioni. L'Hellas in 94' non ha mai tirato nello specchio della porta di Bizzarri. E sabato sera al Bentegodi arriva la Juventus.

Un infortunio, un grave incidente in moto e un ragazzo di vent'anni vede svanire tanti sogni. L'importante è saper reagire, rialzarsi e ripartire. Il padovano Andrea Toniolo lo ha fatto ed è andato di corsa fino a Capo Nord. Una sfida vinta. Altre lo attendono.

È stato assegnato all'attaccante del ChievoVerona Riccardo Meggiorini e ad amministratori e dipendenti della Brenta Pmc di Molvena (Vicenza) il Premio della Bontà di Sant'Antonio di Padova, promosso dall'Arciconfraternita del Santo. In particolare al calciatore veronese per aver affrontato con coraggio e immobilizzato l'aggressore di una donna sotto la sua abitazione.

Una vittoria per 4-0 non si vedeva dal 30 agosto 2015 contro la Lazio. Un Chievo spuntato in attacco riesce ad avere nettamente la meglio contro un Empoli apparso debole e giunto alla quinta sconfitta consecutiva. Gol di Inglese al 22', di Pellissier di testa al 40' e nella ripresa tris di Birsa al 74' e sigillo vincente di Cesar (di piede) all'89'.

Vittoria netta ma non certo facile come lascerebbe intendere il risultato quella del Milan contro il Chievo: 3-1 al termine di un match con tre rigori (due inesistenti) e una traversa. Decide nel bene e nel male il colombiano Bacca: due gol, un rigore sbagliato, un paio di grosse occasioni fallite e una respinta di Radovanovic sulla linea. Per il Chievo a segno De Guzman dal dischetto. Gol decisivo dagli 11 metri del subentrato Lapadula.

Netta vittoria del Napoli in una partita bella solo nell'ultimo quarto d'ora. Gol al 31' di Insigne, al 38' di Hamsik su una palla non allontanata dai difensori. Nella ripresa la terza rete al 58' di Zielinski il cui tiro viene deviato in maniera decisiva da Spolli in scivolata. Gol della bandiera di Meggiorini al 71'. Il forcing finale del Chievo non dà esito.

Roberto Inglese protagonista assoluto della vittoria del Chievo in casa del Sassuolo: al 3' fa espellere Letschert per fallo da ultimo uomo; tira il rigore che finisce sul palo. Dopo il vantaggio del Sassuolo con Matri (24'), l'attaccante pareggia di testa al 38', raddoppia di piede al 56' e insacca ancora di testa al 66'.

Il direttore sportivo del ChievoVerona Luca Nember lascia il ChievoVerona dove operava dal maggio 2013, prima come collaboratore del ds Giovanni Sartori, quindi come suo successore. La clamorosa notizia è riportata dal sito specializzato di Gianluca Di Marzio. Alla base della separazione vi sarebbero divergenze sulla gestione del calciomercato.

Un Chievo spuntato, decimato dalle assenze, ma capace di fare bottino pieno all'Olimpico al termine di una partita di grande sacrificio contro una Lazio supponente e sprecona. Gol vittoria al 90' di Inglese. Interrotta nel migliore dei modi la striscia di quattro sconfitte consecutive.

Quarta sconfitta consecutiva per il Chievo, sconfitto in casa contro la Fiorentina per 3-0. Nel primo tempo gol di Tello al 17' che sfrutta un errore di Dainelli; nella ripresa raddoppio al 50' di Babacar su rigore per un fallo sciocco e inutile di Cacciatore su Chiesa. Tripletta dello stesso figlio d'arte nel recupero. Ben poco da salvare nel secondo tempo dei gialloblù.

Partita rocambolesca a San Siro: il Chievo perde 3-1 dopo essere andato in vantaggio al 33' con Pellissier. L'inter migliore della stagione pareggia al 68' con Icardi, passa avanti all'85' con Perisic e sigla il 3-1 con Eder al 92'. Terza sconfitta consecutiva per i gialloblù attesi sabato in casa dalla rivincita contro la Fiorentina.

Vittoria in extremis per la Fiorentina al termine di una gara non bella: al 92' Gobbi trattiene in area Bernardeschi che trasforma il rigore concesso da Celi. Alla fine del primo tempo espulso Radovanovic e al 70' Zarate. I viola, che hanno colpito la traversa e un palo, nei quarti affronteranno il Napoli.

C'era anche la pluricampionessa Federica Pellegrini al Centro Federale alla presentazione della squadra di nuoto della Rari Nantes formata da atleti disabili, capitanata dall'olimpionica di Rio Xenia Palazzo che con il fratello Misha punta a Tokyo 2020.

Netta e meritata sconfitta casalinga del Chievo contro la sorprendente Atalanta che mette al sicuro il risultato già nel primo tempo con la doppietta di Gomez (3' e 22') e con Conti (41'). Nella ripresa i gialloblù provano a riaprire la gara con Pellissier (62') ma è un fuoco di paglia. Quarta rete di Freuler al 69'. Esordio in A del belga Kiyine.

Dodicesima vittoria casalinga consecutiva per la Roma, la nona in questo campionato contro un Chievo rimaneggiato che era andato in vantaggio al 36' con De Guzman. Pareggio in pieno recupero del primo tempo con El Shaarawy su punizione. Nella ripresa ancora in rete i giallorossi con Dzeko (52') e Perotti su rigore (91').