Editoriale
stampa

I limiti che ci distinguono

Onora il tuo limite: è il titolo di un prezioso libro del filosofo Ricardo Peter (1997) e la modalità di stare (bene) al mondo. Tutto il contrario di quanto emerge in un’altra pubblicazione praticamente contemporanea: Lettera a madre natura

Parole chiave: Editoriale (374), Luca Passarini (73), Lettera a madre natura (1)
I limiti che ci distinguono

Onora il tuo limite: è il titolo di un prezioso libro del filosofo Ricardo Peter (1997) e la modalità di stare (bene) al mondo. Tutto il contrario di quanto emerge in un’altra pubblicazione praticamente contemporanea: Lettera a madre natura; considerata una sorta di manifesto del post-umanesimo, è uscita esattamente 25 anni fa.

Era il 1999, infatti, quando il filosofo Max More si volle fare portavoce di quella che chiamò “ambiziosa prole” affermando che – visto gli insuccessi e il manifesto disinteresse all’evoluzione umana della natura – ora la palla sarebbe passata all’umanità che, in pochi decenni, avrebbe saputo migliorarsi ovvero superare tutti i limiti. Siamo stati resi imperfetti e senza libretti di istruzioni, ma la nostra intelligenza, vitalità, forza, ci avrebbero presto garantito “una innovatività, ricchezza, libertà e responsabilità senza precedenti”. Niente più sottomissione all’invecchiamento e alla morte, con la possibilità di decidere ognuno quanto a lungo vivere; superamento dei dogmi e delle emozioni non raffinate; via i limiti fisici, neurologici, intellettivi, mnemonici; abbandono dell’essere solo puri organismi biologici, con integrazione delle nuove tecnologie.

Un passo avanti in questa direzione sembra essere stato fatto da Neuralink, azienda co-fondata da Elon Musk, che nei giorni scorsi ha dichiarato di aver installato il suo primo impianto nel cervello di una persona. La promessa è che, prima del 2030, basteranno circa 40mila dollari per avere una comunicazione diretta tra il cervello e i computer. Ovvero: con il pensiero sarà possibile comandare un computer e compiere azioni attraverso di esso. Meno limiti e meno ansia!

Mi sembrano in realtà molto più sagge le parole di chi propone di intendere il limite non solo come un ostacolo e una barriera, ma come il confine che mi identifica, racconta le mie peculiarità, mi apre alla relazione, mi fa riconoscere la necessità – e anche la bellezza – di una cura costante, di una sorta di “dipendenza” dall’altro. Tutto questo, però, si coglie se si smette di cercare la perfezione e si sceglie di camminare verso una vita compiuta, riuscita, aderente ai valori portati avanti lungo tutta l’esistenza, aperta verso un’alterità.

Tutti i diritti riservati
I limiti che ci distinguono
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento