Condiscepoli di Agostino
stampa

Nella prescienza divina tutto è ordinato al bene

Riprende, dopo la presentazione della lettera enciclica papale Fratelli tutti, il percorso alla scoperta del capolavoro teologico, filosofico e politico di sant’Agostino La città di Dio

Parole chiave: Sant'Agostino (136), La città di Dio (66)

Uno dei grandi temi che Agostino ha affrontato è quello del rapporto tra la prescienza di Dio e l’agire libero dell’uomo. Precisiamo il fatto che prescienza vuol dire conoscenza immediata, nel senso che Dio, eterno presente, ha tutto presente nella sua mente, anche ciò che per noi è passato o futuro. Agostino parte nella sua riflessione da un dato biblico certo: Dio ha fatto tutto buono e sa ordinare al bene anche le volontà perverse, persino Satana: “Di conseguenza, anche la volontà malvagia è una grande testimone della natura buona. Ma come Dio è l’ottimo creatore delle nature buone, così è giustissimo ordinatore delle volontà malvagie… In tal modo fece sì che il diavolo, malvagio per sua volontà, ordinato tra gli esseri inferiori, fosse irriso dai suoi angeli, affinché con le tentazioni con le quali desidera danneggiare i santi, proprio queste tornino a loro vantaggio… si comprenda che attraverso la sua prescienza ha preparato il modo con cui poterlo usare, benché malvagio” (De civ. Dei, XI, 17).
Dio conosce tutto, anche il male che non ha inoculato Lui nelle creature, ma come effetto della volontà di male delle creature intelligenti. Lo permette in un quadro di bene generale, come in uno straordinario poema: “Dio non creerebbe nessuno non dico tra gli angeli, ma nemmeno tra gli uomini, che avesse preconosciuto malvagio, se non conoscesse parimenti a quali vantaggi dei buoni destinarlo e in tal modo l’ordine dei secoli come fosse un bellissimo carme ornasse anche con certe antitesi… A Lui (Dio) non poté essere incerto od occulto il male futuro non della natura umana, ma della volontà” (De civ. Dei, XI, 18-19).
La prescienza divina coincide con il suo essere solo presente. Nel suo essere presente non esiste il passato o il futuro come per noi. Lui è il Dio buono che tutto ha fatto buono: “Infatti, non secondo il nostro costume Egli o prevede ciò che è futuro, o guarda ciò che è presente o retroguarda ciò che è passato, ma in un certo qual altro modo lontanamente e profondamente è diverso rispetto alla consuetudine dei nostri pensieri. Egli senza dubbio non per mutato pensiero da questa a quella cosa, ma vede in modo assolutamente non commutato. Così che le cose che certo avvengono nel tempo e non sono ancora future, egli stesso con stabile e sempiterna presenza queste cose le comprende tutte. In effetti, non come la nostra scienza dei tre tempi, cioè del presente e del passato o del futuro è anche la sua… La sua attenzione non transita da un pensiero ad un altro pensiero… Pertanto vide che era cosa buona ciò che ha fatto lì dove vide che era cosa buona farlo… Non vi è autore più eccellente di Dio, né scienza più efficace del Verbo di Dio, né causa migliore del fatto che una cosa buona sia creata dal Dio buono” (De civ. Dei, XI, 21).
Nessuna creatura ha inoculato in sé il male, che è privazione di bene, in quanto Dio ha creato interamente buona ogni cosa. Il riferimento è evidentemente antimanicheo. Dio è artefice sommo nelle cose grandi e in quelle piccole e tutte le fa segnate di bellezza, cioè di armonia delle parti: “Assolutamente nessuna creatura è un male e questo nome (il male) non è proprio se non di una privazione di un bene… Dio è un artefice così grande nelle cose grandi da non essere meno grande nelle piccole e le cose piccole non sono da misurarsi sulla dimensione della loro grandezza, ma dalla sapienza dell’artefice. È come se nella figura del corpo umano venisse reciso un sopracciglio. Non si toglie praticamente nulla al fisico, ma molto alla bellezza, perché essa non risulta dalla grandezza ma dall’armonia delle parti” (De civ. Dei, XI, 22).

Tutti i diritti riservati
Nella prescienza divina tutto è ordinato al bene
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento