Attualità
stampa

Se si inceppa l’ingranaggio

di REDAZIONE

Se il meccanismo non funziona in qualche sua parte (energia e materie prime non disponibili, trasporti semi-bloccati, ecc…), la catena di valore si spezza per tutti

Parole chiave: Crisi energetica (1), Globalizzazione (5), Pandemia (32), Guerra (31), Risorse (2), Delocalizzazione (2), Industria (10), Commercio (11), Economia (120)
Immagine simbolica con la mappa del globo terrestre dentro una rete

di REDAZIONE

Alla fine, la doppia sberla presa dal mondo in rapida successione – pandemia e una guerra che ci rimanda indietro di 70 anni – impone al mondo stesso, e in particolare alla sua economia, un radicale ripensamento della strada percorsa negli ultimi decenni. Un pianeta interconnesso, senza grandi barriere a frapporsi ai commerci e allo spostamento delle persone, è sicuramente l’ideale per tutti, se funziona veramente. L’abbiamo chiamata globalizzazione
Ma la realtà è imperfetta. Se l’ingranaggio si blocca, iniziano i dolori. E quelli che erano i punti di forza, diventano debolezze micidiali. Un esempio: in Europa si crea un prodotto, si usano materie prime provenienti dal Cile o dal Sudafrica, si lavorano in Cina, si trasportano via nave di nuovo in Europa che fungerà pure da piattaforma distributiva per il resto del mondo. Così si esaltano le competenze tecnologiche di chi le ha; si acquistano le materie prime più abbondanti e a buon mercato; si utilizza la manodopera meno costosa; infine si arriva a possedere una bicicletta che costa come una cena per due in trattoria. 
Sta saltando tutto. Se il meccanismo non funziona in qualche sua parte (energia e materie prime non disponibili, trasporti semi-bloccati, ecc…), la catena di valore si spezza per tutti. E si scopre che invece sarebbe molto meglio avere materie prime a portata di mano, provenienti da Paesi “sicuri”; lavorare in fabbriche vicinissime; avere mercati di riferimento non così planetari. 
Da una parte avremo una bicicletta da vendere in negozio e da acquistare senza tanti patemi; la stessa costerebbe almeno il doppio. Ma la catena di trasmissione funzionerebbe. 
Non è un caso che i prezzi di praticamente tutto stiano esplodendo: ci eravamo abituati (almeno qui in Occidente) ad avere tutto per poco, per sempre meno. E allora si cerca di estrarre materie prime vicino a casa, si pensa di riportare la manifattura molto più vicino alla “testa” dell’azienda, ad accorciare brutalmente il trasporto delle merci. 
Non è meglio, non è peggio: semplicemente è l’unico modo per riattivare il sistema cardiocircolatorio dell’economia, se il mondo ridiventa un luogo ostile abitato da tribù bellicose e poco dialoganti tra loro

Fonte: Sir
Tutti i diritti riservati
Se si inceppa l’ingranaggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento