Attualità
stampa

Mamma, mi si sono ristrette le famiglie

Rapporto fotografa la liquefazione delle strutture sociali. La famiglia oggi risulta frammentata, scomposta e con scarso appeal

Parole chiave: Famiglia (32), Rapporto Cisf (1), Demografia (3), Nascite (2)
Espressione di stupore sul viso di una bambina

Frammentate, scomposte, ricomposte. Lasciate in balìa di loro stesse, senza godere di un vero supporto da parte della società. Sono dati allarmistici quelli che riguardano le famiglie italiane. Lo certifica il nuovo Rapporto Cisf 2020, che traccia un quadro poco rassicurante sullo stato di salute dei nuclei familiari. Sempre più ristretti (il 60% è composto solo da uno o due componenti) e scarsamente orientati a investire nel futuro. Un giovane su tre non pensa al matrimonio, quasi uno su due non vuole avere bambini. Tra vent’anni, quindi, rischiamo di ritrovarci con almeno uno o due milioni di coppie con figli in meno rispetto a oggi. Nel 2019 sono nati 19mila bambini in meno rispetto all’anno precedente; una discesa mai così bassa dall’Unità d’Italia in poi. Se non si invertirà la rotta con politiche di lungo periodo ci ritroveremo in un Paese sempre più vecchio (le pensioni chi le pagherà?), con una struttura sociale molto individualista e poco “familiare”. Cosa fare, allora? Discuterne certo, ma poi passare subito ad azioni concrete. Perché altrimenti la famiglia rischia di sciogliersi, proprio come i ghiacciai.

Primo Piano su Verona Fedele del 26/07/2020 disponibile in edicola e in parrocchia.

Mamma, mi si sono ristrette le famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.