Attualità
stampa

Ddl Zan: niente odio ma nemmeno censura

di REDAZIONE

Legge pasticciata, confusa e soprattutto liberticida. La Cei: sì al dialogo, ma la famiglia è questa qui...

Parole chiave: Ddl Zan (4), Famiglia (45), Omotransfobia (2), Lgbt (3)
Manifestante in primo piano che regge un cartello con su scritto: "Non si può rischiare la prigione solo per u n'opinione. #restiamoliberi"

di REDAZIONE

Omotransfobia (e altro ancora): avversione ossessiva per gli omosessuali e l’omosessualità, i transessuali e la transessualità, dice la Treccani. E il disegno di legge di cui è relatore il parlamentare veneto Alessandro Zan si propone di punire questa avversione attraverso pene specifiche, adottando poi misure educative che ne rimuovano le cause ad iniziare dalla scuola. Tutto bene, dunque? No. Le buone intenzioni lastricano la via dell’inferno, e tale ddl conferma il detto: a cominciare dal fatto che, nella sua pasticciata formulazione, impedisce ogni forma di opinione avversa (“sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte, purché...”). E il purché lo dovrebbe valutare il giudice di volta in volta, con “sberle” detentive e pecuniarie di tutto rispetto. Amen. Per non parlare del principio secondo cui il genere non è quello naturale (uomo, donna), ma quello da noi “percepito”. 

Cerchiamo di capire anche il non detto, che però assume un ruolo decisivo in questa proposta di legge, su Verona Fedele del 16 maggio, disponibile in edicola e in parrocchia.

Ddl Zan: niente odio ma nemmeno censura
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.