Provincia
stampa

Qui le luminarie natalizie sono fatte di... centrini realizzati dalle volontarie

di BEATRICE CASTIONI

A Sommacampagna gli splendidi manufatti realizzati durante il lockdown

Parole chiave: Natale (41), Iniziative (15), Anziani (35), Sociale (15), Comune di Sommacampagna (2), Provincia (38)
Qui le luminarie natalizie sono fatte di... centrini realizzati dalle volontarie

di BEATRICE CASTIONI

«Il paese non è dell’amministrazione comunale o dell’operaio che appende le luminarie ad ogni Natale, ma è nostro. Tutti siamo dunque invitati a sentirci coinvolti, a collaborare e a renderlo migliore». Queste le parole di Eleonora Principe, assessore alla Cultura di Sommacampagna, per descrivere l’iniziativa natalizia sul territorio.
Lo scorso inverno l’amministrazione aveva chiesto alle anziane del paese di realizzare dei centrini in cotone, per poi decorare gli spazi esterni comuni in vista delle feste. Causa limitazioni del Covid, il progetto era slittato al 2021 e finalmente ha visto la luce. «L’idea è nata dal fatto che le signore più anziane hanno sofferto un momento di solitudine e abbandono, durante i lockdown che ricordiamo. Abbiamo allora pensato di chiedere il loro aiuto intrattenendole e dando loro un compito: creare dei centrini che andassero ad adornare il nostro paese».
Inoltre il centrino simboleggia la volontà di tessere relazioni sociali e fare comunità anche in un periodo in cui viene imposto di mantenere le distanze. Quest’anno sono state pensate quattro installazioni; due cascate di centrini che scendono dal balcone del municipio di Sommacampagna, sulla vetrata del centro sociale di Caselle e su alcune piante davanti alla chiesa di Caselle. Per ultimi, i manufatti sono stati posizionati a cascata vicino alla piazza della chiesa di Custoza e anche su un albero di Natale: i centrini sono stati fissati sopra un vecchio ombrellone coperto da una rete e la struttura dei raggi semichiusi ricorda proprio un albero.
In totale i centrini recuperati per le decorazioni natalizie sono stati 300, e sono compresi anche quelli del Centro del riuso di Sommacampagna. Il Gruppo Missionario gestisce infatti questo luogo che raccoglie oggetti, mobili e vestiti dismessi che potrebbero avere una seconda vita grazie alla scelta di altri membri della comunità, a fronte di una piccola donazione che va in beneficenza. In passato sono stati donati dei centrini, che in questo modo non sono andati buttati e anzi hanno dato valore agli addobbi.
Prosegue Principe: «Abbiamo unito insieme le competenze delle signore che hanno cucito e la creatività di alcune ragazze che hanno aiutato a decorare i punti principali dei paesi, per un progetto tutto al femminile, dai 18 agli 80 anni. Questa iniziativa si inserisce all’interno di una serie di proposte culturali nate durante i primi mesi della pandemia e attuate con le prime riaperture in primavera. Per incoraggiare il turismo di prossimità e dare visibilità ai nostri artisti paesani, abbiamo esposto le loro opere nelle sale di Villa Venier. Nonostante il brutto periodo, l’aspetto positivo è stato proprio la riscoperta del nostro territorio e dell’arte che vive nella comunità». 

Tutti i diritti riservati
Qui le luminarie natalizie sono fatte di... centrini realizzati dalle volontarie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento