Provincia
stampa

La "Gobetti" ora è centro di servizi per la persona

Dai disabili agli anziani, con la supervisione di Adoa 

Parole chiave: Fondazione Gobetti (1), Centri Diurni (1), Ulss 9 (1), San Pietro di Morubio (1), Adoa (2), Disabilità (2), Sociale (3), Salute (14)
La "Gobetti" ora è centro di servizi per la persona

La Fondazione Gobetti di San Pietro di Morubio è diventata a tutti gli effetti un centro servizi per la persona. Sono stati ultimati i lavori di ampliamento necessari a trasformare la casa di riposo in un polo capace di dare risposte a diversi bisogni della comunità: dai giovanissimi con disabilità agli anziani non autosufficienti. 

Grazie all’apporto di Adoa , l’associazione diocesana opere assistenziali, negli ultimi anni la struttura si è ammodernata, diventando all’avanguardia per i servizi offerti. Nelle scorse settimane è stato inaugurato l’ampliamento dell’edificio; la struttura passa così da 72 a 92 posti di residenzialità e, al suo interno, annovera pure 30 posti di centro diurno per giovani con gravi disabilità.

La Fondazione Gobetti, infatti, ha sottoscritto un accordo quinquennale con l’Ulss 9 per la gestione del centro per minori con disabilità Accavolante. «L’Ulss ha verificato le capacità gestionali e di accoglienza della Fondazione, affidandole da settembre il centro per minori», informa il segretario di Adoa, Tomas Chiaramonte.  

A seguito di una gara tra più soggetti cooperativistici del territorio, la Gobetti ha scelto la cooperativa Emmanuel di Bovolone come partner capofila per sviluppare un progetto innovativo. Oltre all’ordinaria gestione, infatti, si getteranno le basi per una sperimentazione legata al “Dopo di noi”.

«Insieme ad altre due realtà impegnate nel sociale, la cooperativa Cercate e alla Promozione Lavoro, dal primo settembre gestiremo il centro – fa sapere Stefano Fiorini, presidente della cooperativa Emmanuel, che già si occupa di sei centri diurni nella Bassa veronese –. Per noi è l’opportunità di dar vita a nuove progettualità condivise».

Pur nel cambio di gestione, sarà garantita una continuità con gli operatori ed educatori attualmente operativi al centro. Accavolante si caratterizza per essere l’unico centro diurno in provincia (e non solo) dove esiste una proficua integrazione con la scuola. «Al mattino i nostri figli vanno in classe, poi sono accolti qui fino alle 16.30: questo centro d’eccellenza per noi è una certezza, ci dà un grande sostegno e respiro», spiega Fabio Bertolo, dell’associazione genitori La Quercia e il germoglio.

La onlus raggruppa 22 genitori; è nata nel 2012, quando il centro Accavolante era ancora ubicato ad Angiari, in un immobile fatiscente del Comune, dato in comodato all’Ulss. «Poi alcune mamme hanno trovato la Gobetti e ci siamo spostati al pianterreno dell’edificio, acquistando gli arredi e le attrezzature per le attività – aggiunge –. Oggi i ragazzi accolti sono 22, dai 6 ai 16 anni, molti dei quali con disturbi dello spettro autistico». 

Durante l’estate viene portato avanti un servizio di sollievo, per non lasciare da sole le famiglie nel compito di cura. «Perciò guardiamo con interesse anche al progetto del “Dopo di noi”, che verrà attivato al primo piano della struttura», dice. Lì, infatti, saranno messi a disposizione cinque posti per dare un appoggio alle famiglie dei ragazzi ospitati nel centro; altri cinque posti, invece, potranno servire ad adulti condisabilità acquisite (ad esempio, a seguito di ictus o incidenti).

Il secondo piano dell’ala ristrutturata, invece, ha dieci posti destinati agli anziani. «Grazie a quest’ultimo stralcio di lavori abbiamo completato la ristrutturazione di quella che prima era una scatola vuota – commenta don Michele Fiore, presidente della Fondazione Gobetti –. Ora, grazie a un finanziamento della Fondazione Cariverona, siamo attrezzati per poter dare pasti caldi all’esterno: anche ad Accavolante, una realtà che abbiamo sempre desiderato integrare nella nostra comunità». 

Tutti i diritti riservati
La "Gobetti" ora è centro di servizi per la persona
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento