Provincia
stampa

Al lago è tutto un coro: cari tedeschi, ritornate!

Il turismo riparte a ritmo ridotto, il Garda si riempie solo nei weekend, mancano gli stranieri. 

Parole chiave: Economia veronese (1), Turismo (26), Garda (7)
Turista solitaria seduta in riva al lago - Foto Sergio Monti @123RF.com

Viaggio lungo le sponde bresciana e veronese del Garda, laddove otto turisti su dieci normalmente arrivavano dal Nord Europa: una presenza storica, inaugurata già negli anni Cinquanta. Il Covid ha stravolto tutto, luglio ha fatto registrare un numero di arrivi assai basso, compensato in parte da un maggior afflusso di italiani. Però le sponde del lago si riempiono solo nei fine settimana, lasciando gli altri giorni senza quelle migliaia di turisti che arrivavano soprattutto dalla Germania. Manca totalmente poi quel turismo danaroso proveniente da Stati Uniti ed Estremo Oriente, fatto che ha messo in crisi le strutture più “stellate”. Tutti sperano adesso in un fine stagione in crescendo, i numeri degli arrivi confortano gli ottimisti; cresce intanto la richiesta di servizi diversi dal solito, in particolare attenti allo sport e alla natura: quindi con un maggior coinvolgimento dell’entroterra. Ma alla qualità deve seguire la quantità: un quarto dell’economia veronese è agganciato al turismo e la mancanza di ospiti stranieri si sta facendo fortemente sentire pure in città, classica meta da visitare anche per chi di solito soggiorna sulle sponde gardesane.

Tutto su Verona Fedele del 9 agosto 2020 disponibile in edicola e in parrocchia.

Foto Sergio Monti @123RF.com

Al lago è tutto un coro: cari tedeschi, ritornate!
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento