Chiesa
stampa

Le Carmelitane scalze salutano e ringraziano

di REDAZIONE

Le monache dopo 87 anni in città si trasferiranno a San Felice del Benaco

Parole chiave: Carmelitane scalze (1), Suore (3), Fede (41), Diocesi di Verona (44)
Le Carmelitane scalze salutano e ringraziano

di REDAZIONE

Riportiamo qui il saluto alla comunità veronese delle Monache Carmelitane scalze, pubblicato su Verona fedele del 24 luglio 2022.

Sabato 16 luglio al Carmelo abbiamo festeggiato assieme al nostro Vescovo, a tanti amici, benefattori, confratelli e sacerdoti, Maria, Madre e Regina del Carmelo, in occasione della sua solennità liturgica, impreziosita quest’anno dal saluto che abbiamo voluto rivolgere a tutti prima di trasferirci a San Felice del Benaco.
Siamo arrivate a Verona, in Salita Monte Carmelo, nel 1935 e il monastero, costruito con materiale povero seguendo il pendio della collina, avrebbe ora bisogno di una ristrutturazione molto importante. Cosa che ci è impossibile sostenere, sia economicamente, sia come forze fisiche. Dopo un discernimento durato diversi anni e dopo esserci confrontate e aver verificato varie altre soluzioni, siamo giunte alla decisione di alienare l’intera nostra proprietà, per acquistare un’altra “casa”. Decisione sofferta, ma ritenuta ormai indispensabile per poter continuare a vivere e guardare al futuro in modo dignitoso e con speranza.
Provvidenzialmente, abbiamo saputo che le sorelle comboniane vendevano una loro casa a San Felice del Benaco, in provincia di Brescia, ma in diocesi di Verona, vicina al santuario della Madonna del Carmine. Una struttura accogliente, molto più funzionale, che un po’ alla volta, quando ci sarà possibile, adatteremo a monastero. Viviamo la sofferenza del distacco, ma con la determinazione e la gioia di coloro che vogliono seguire il Signore, ovunque le conduca.
Quello che lasciamo è certamente un luogo caro a tutte noi. Un luogo in cui ha preso carne la nostra fede per tanti anni. Un luogo ricco della santità vissuta dalle sorelle che ci hanno precedute. Un luogo che ci ha visto condividere tante gioie e dolori con tanti fratelli e sorelle, camminando insieme, sostenendoci vicendevolmente, lungo le strade della vita. Un luogo che, come tanti ci hanno testimoniato anche in questi giorni, è caro a molti. Vorremmo raggiungere ora tutti con il nostro grazie.
Grazie per la preghiera, l’affetto, il sostegno, la Provvidenza di cui siete stati cuore e braccia. Contiamo ancora su di voi! Grazie a mons. Giuseppe Zenti per la vicinanza, la premura di padre e l’aiuto che ci ha riservato in questi anni del suo ministero. Grazie anche per le parole che sabato ci ha rivolto, ricordandoci che «non è la casa che fa il monastero ma il cuore» e che nostro compito a San Felice sarà «lasciarci nutrire da Cristo», «riversare sull’intera diocesi il nostro essere fedeli a Dio», e «testimoniare lì il nostro carisma, la nostra spiritualità».
E ora guardiamo avanti, perché, come ci ha ricordato proprio sabato il nostro Padre generale Miguel Marquez Calle parlandoci dalla Terra Santa, davanti alle rovine dei luoghi dove nacque il nostro Ordine, «le rovine […] ci parlano e ci ricordano che la struttura che ci ospita e ci accoglie ora non sarà quella di domani. Questi edifici, queste case, questa struttura che abbiamo ereditato, cadranno, cambieranno. E non dovremmo drammatizzare o piangere così tanto per questo […] L’importante è l’Ospite. E questo Ospite non aveva dove posare la testa. [...]. Maria è nel Carmelo una presenza in cammino, un’icona che porta dentro la Presenza. […] L’essere fratelli di Maria ci farà non aggrapparci agli edifici quando verrà il momento di lasciarli e ci condurrà umilmente alla dimora che Dio ha preparato per noi». “Camminiamo insieme, Signore, verrò dovunque Tu andrai” (S. Teresa di Gesù). Vi portiamo con noi! 

Tutti i diritti riservati
Le Carmelitane scalze salutano e ringraziano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento