Attualità
stampa

Una giornata che è già storia

di LUCA PASSARINI

L’abbraccio di Verona a Francesco. I nostri sei mesi frenetici, sembrava una pazzia: ma tanto, noi veronesi siamo “tuti mati”

Parole chiave: Visita Papa (1), 18 maggio (2), Papa Francesco (119), Verona (225)
Una giornata che è già storia

“Veronesi tuti mati”: questo è il segreto della storica giornata del 18 maggio. La “benedetta pazzia” della gente di questa diocesi – quella che papa Francesco ha chiamato più educatamente audacia e creatività – si è espressa ancora una volta, facendo stupire il mondo intero e ridando consapevolezza della grande forza di questa terra. La pazzia iniziale è stata di invitare l’anziano – ogni tanto bisogna fare uno sforzo per ricordarsi che ha 87 anni e mezzo – papa Francesco e proporgli un programma che mai è stato così lungo e denso nelle sue varie visite italiane, nemmeno quando l’età era meno pesante. Da pazzi è stato pure proporre una giornata complessa, nel senso etimologico di tenere insieme elementi a prima vista molto diversi tra loro. Altra pazzia è stata quella di scommettere che anche in un tempo intriso di “una cultura individualista, indifferente e violenta”, come ha ricordato il Pontefice in San Zeno, si potesse a Verona vivere una giornata dove necessariamente c’era bisogno della collaborazione di tutte le istituzioni e della disponibilità di migliaia di volontari...

L'articolo completo è sullo speciale del 26 maggio, in edicola, abbonamento (anche digitale) e in parrocchia dal 23 maggio.

Foto di Francesco Grigolini - FotoExpress

Tutti i diritti riservati
Una giornata che è già storia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento