Sport
stampa

ChievoVerona - Juventus 1-2: Vittoria sudata per la Vecchia Signora

Maturata nel secondo tempo la vittoria della Juventus contro un Chievo gagliardo che non ha ceduto un centimetro. Vantaggio bianconero con Mandzukic al 52', pareggio di Pellissier su rigore al 64' e gol vittoria di Pianic su punizione al 75'.

Parole chiave: ChievoVerona (15), Serie A (11)

Non è stata certo una passeggiata la gara della Juventus al Bentegodi. Il ChievoVerona schierato da Maran con un insolito 5-3-1-1 con Gobbi in marcatura e il solo Floro Flores quale terminale offensivo, ha dato filo da torcere agli uomini di Allegri che alla fine hanno creato più occasioni e sostanzialmente meritato i tre punti. Ma i clivensi non si sono certo scansati davanti alla Vecchia Signora. Anzi, hanno ribattuto colpo su colpo mostrandosi molto attenti in difesa.

Il primo tempo è partito in modo piuttosto fiacco, con la Juve costretta dopo soli due minuti a sostituire Barzagli (infortunatosi alla spalla sinistra e condotto in ospedale dall'ambulanza presente all'interno dello stadio) con Bonucci. I bianconeri hanno via via preso possesso del gioco creando alcune occasioni davvero pericolose ma che non hanno fruttato la rete. In particolare al minuto 27 Pjanic da destra lanciava per Mandzukic che si portava avanti il pallone in area di testa e, quasi sul fondo, con un pallonetto superava Spolli, ma il successivo destro al volo terminava alto. Un'azione davvero molto spettacolare. Al 36' velocissima offensiva bianconera con Sturaro che dava ad Alex Sandro sulla sinistra, sul cross del brasiliano Mandzukic colpiva di testa spedendo di poco a lato. Al 42' era Higuain (oggi piuttosto impreciso e sostituito da Allegri nel finale) a entrare in area ma il suo tiro da dentro l'area piccola veniva deviato in corner. E il Chievo? Ottimo in difesa, ma poco o nulla sul piano offensivo. Al 45'  l'azione più pericolosa: era Izco a lanciare Birsa sulla sinistra, sul passaggio filtrante dello sloveno Benatia chiudeva su Floro Flores.

Nella ripresa erano gli uomini di Maran a partire a spron battuto. Al 49' Floro Flores colpiva di testa al limite dell'area di rigore ma la palla finiva alta. Al 53' Juve in vantaggio: palla filtrante da sinistra in area di Cuadrado per Mandukic bravo a liberarsi di Spolli e a trafiggere Sorrentino con un diagonale che si infilava alla destra del portiere. Allo scadere dell'ora di gioco ancora la Juve aveva un'occasionissima per raddoppiare ma Dainelli era molto bravo (e fortunato) a contrastare Higuain lanciato in contropiede e a deviargli in angolo il tiro scagliato sottomisura. Al 63' prima conclusione nello specchio della porta per il Chievo ma era molto bravo Buffon (oggi alla 600ma gara in Serie A) a opporsi al tiro a botta sicura di Castro dal cuore dell'area di rigore. Dal canto suo l'argentino avrebbe forse potuto angolare la conclusione. Ma passava solo un minuto e il Chievo raggiungeva il pareggio. Lancio in profondità per Pellissier (subentrato da 5 minuti a Izco) che sfuggiva sul filo del fuorigioco a Lichtsteiner il quale lo atterrava in area. L'arbitro Valeri decretava il rigore che il Capitano di mille battaglie trasformava con un destro a fil di palo che spiazzava Buffon. Gol numero 99 in Serie A per il 37enne attaccante valdostano, al primo centro in questo campionato e migliore in campo oggi per il Chievo.

La Juve tornava in vantaggio dieci minuti più tardi: Spolli atterrava Pjanic al limite del lunotto dell'area di rigore. L'ex romanista batteva la punizione e il suo destro si infilava sotto la traversa con Sorrentino immobile. Maran le provava tutte per raggiungere il pari: dentro De Guzman per Birsa e poi Inglese per Floro Flores, ma era la Juve ad avere tre grosse occasioni per rimpinguare il bottino. All'86' pasticcio di Spolli al limite, palla a Sturaro in area ma falliva quello che era un rigore in movimento, con palla deviata in angolo. Due minuti più tardi era Cuadrado in versione slalomista a partire dalla tre quarti, bersi quattro gialloblù (oggi, a dire il vero, indossavano la terza maglia, quella blu scuro) ma alla fine concludeva incredibilmente a lato. Per finire al 91' Cacciatore fermava fallosamente Madzukic al limite dell'area. Sul destro del solito Pjanic destinato all'incrocio questa volta Sorrentino ci arrivava per la deviazione in angolo.

Juve più forte, anche se oggi ha dovuto faticare parecchio per vincere. Il Chievo ce l'ha messa tutta, Maran ha impostato una partita inizialmente sulla difensiva, quindi, dopo aver subito il gol, è tornato allo schema tattico abituale (4-3-1-2) che ha portato al momentaneo pareggio. Poi la Vecchia Signora col suo specialista sui calci da fermo è arrivata alla vittoria al termine di una gara divenuta sempre più combattuta e divertente per il folto pubblico accorso al Bentegodi.

Per il Chievo è ora di tornare a fare punti, possibilmente già dopo la sosta di campionato per la Nazionale, quando nell'anticipo di sabato 19 alle 15 affronterà ancora al Bentegodi il Cagliari che in classifica lo sopravanza di un solo punto. E lo dovrà fare senza Dainelli che, ammonito e in diffida, verrà squalificato. Cartellini gialli anche per Gobbi, Radovanovic, De Guzman, Cacciatore (C) Alex Sandro, Cuadrado e Sturaro (J) al termine di una gara peraltro non cattiva, diretta da un discreto Valeri, anche se soli 3' di recupero nel primo tempo sono parsi assai pochi, vista la lunga interruzione per l'infortunio occorso a Barzagli.

ChievoVerona - Juventus 1-2: Vittoria sudata per la Vecchia Signora
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.