Provincia
stampa

Quanta strada fatta per spedire questi "Saluti dalla Corona"

di ADRIANA VALLISARI
Una collezione presto in esposizione 

Parole chiave: Spiazzi (1), Corona (100), Santuario (11)
Quanta strada fatta per spedire questi "Saluti dalla Corona"

di ADRIANA VALLISARI
“Saluti dal santuario della Madonna della Corona”. Quante cartoline sono state spedite da qui con questa dicitura! Atti di devozione che, una volta affrancati, hanno preso il largo, finendo nelle case di amici e parenti, in Italia e all’estero. Un gesto che, prima dell’avvento della comunicazione istantanea dei telefonini, era una bella consuetudine. Sono moltissime e di ogni foggia le immagini – disegni prima, foto poi – che immortalano l’icona dell’Addolorata e la facciata della notissima chiesa abbarbicata sulla roccia. Souvenir, ma più che altro atti di devozione: spedendole, si diceva al destinatario che in questo luogo si aveva pregato anche per lui o per lei.
Ne ha collezionate a centinaia Sandrino Marchi, 62enne di Caprino, che coltiva questa passione da trent’anni, «da quando ho trovato delle cartoline antiche buttate nell’immondizia», precisa. Ne ha circa 800 dedicate alla Madonna della Corona, «quasi tutte viaggiate»: la più antica è della fine dell’800, la più recente risale a qualche decennio fa. Una collezione sterminata, che ha recuperato girando per i mercatini, ricevendo segnalazioni di amici e negozianti, acquistandone dei pezzi su internet, dove fiorisce la compravendita di questi articoli. E che affianca ai santini dedicati alla Vergine del Baldo e ad altri cimeli raccolti negli anni; «ma ormai è difficile trovarne di nuovi riguardanti il santuario, quindi chi ne avesse, può contattarmi», aggiunge, chiedendo di divulgare il suo recapito telefonico (366.1467327). Marchi colleziona pure cartoline di Ferrara di Monte Baldo, San Zeno di Montagna, Rivoli Veronese e Brentino Belluno; quelle che hanno come soggetto la Madonna della Corona, però, saranno esposte il prossimo mese in una mostra dedicata al santuario, allestita al Museo Canonicale (v. articolo sopra).
Una selezione di circa 200 esemplari è finita di recente in un corposo libro intitolato Madonna della Corona. 500° anniversario 1522-2022 (Cierre Grafica). Un volume ricco di illustrazioni, pubblicato dal Circolo collezionisti gardesani “La cicogna”, che collaborerà anche all’allestimento diocesano dedicato alla Corona. «L’idea del libro è nata quattro anni fa, leggendo un vecchio giornale in cui si riportava la data dell’apparizione miracolosa della statuetta con la Vergine presso Spiazzi, il 22 giugno del 1522; una sera, riunii alcuni storici della zona e Sandrino Marchi, per proporre loro la pubblicazione: l’idea piacque ed eccoci qua». A parlare è Alessandro Giori, coordinatore del Circolo e ideatore del progetto, a cui hanno collaborato fattivamente Giuliano Sala, Fabio Gaggia, Giorgio Vedovelli, Maurizio Delibori e Franco Zeni.
Le pagine racchiudono testi di storia e racconti di pellegrinaggi, tantissime immagini del santuario e descrizioni dei paesini che vi stanno attorno, con tanto di cartoline che li raffigurano. «Allegata c’è una mappa, illustrata da Giulia Pianigiani, con la decina di cammini che permettono di raggiungere il santuario – chiarisce Giori –. Sono le vie che percorrevano queste moltitudini di persone, più volte all’anno, per chiedere aiuto o per devozione, a partire dal 1700, prima che ci fossero le strade provinciali». C’è il sentiero “della neve”, dal porto di Castelletto di Brenzone; quello “della montagna”, che comincia dalla piazza di San Zeno di Montagna; quello “del castello”, che prende il via da Torri del Benaco; e, ancora, quello “dell’acqua”, da Garda, e “del gallo” da Caprino; il “sentiero dei monaci” da Bardolino, il “sentiero delle mani” da Rivoli (a Canale, partiva invece quello “della roccia”); infine, il classico “della speranza”, da Brentino, quello “dell’amore”, dalla vicina Ferrara di Monte Baldo, e il più recente, il “Sentiero di Maria”, dalla basilica di San Zeno, in città. Il volume si può acquistare nelle edicole gardesane e al santuario della Corona. 

Tutti i diritti riservati
Quanta strada fatta per spedire questi "Saluti dalla Corona"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento