Attualità
stampa

Un gigante militare con i piedi di argilla

di NICOLA SALVAGNIN

La Russia e le sanzioni occidentali. Il popolo è povero e rischia di diventarlo ancora di più

Parole chiave: Vladimir Putin (1), Guerra (35), Ucraina (17), Europa (31), Sanzioni (6), Russia (14)
Vladimir Putin

di NICOLA SALVAGNIN

Un gigante militare con i piedi d’argilla: questa è la Russia di Putin. Laddove l’argilla è costituita da un’economia che ha un prodotto interno lordo pari a quello di Olanda e Svizzera messe assieme. E una bella fetta di questa mini-ricchezza arriva dalla vendita di risorse minerarie, gas metano e petrolio in primis. A chi? A quell’Europa che ora vuole sanzionarla economicamente per la guerra contro l’Ucraina.
Nonostante una ricchezza individuale che è meno della metà degli standard europei, i russi destinano un decimo del loro budget statale alle spese militari: una percentuale pazzesca, che va a detrimento di quanto speso per sanità e pensioni. Almeno secondo i nostri standard di vita.
Insomma il popolo russo è sostanzialmente povero e rischia di esserlo ancora di più ora. Non a caso si ragiona anche su sanzioni economiche che colpiscano i ricchi oligarchi, la schiera di potere attorno a Putin, i generali dell’Esercito, i tanti che hanno immense fortune “saggiamente” dislocate all’estero. Saggiamente fino ad oggi, perché per questi neo-feudatari il rischio ora è quello di perdere molto se non tutto. Nessuno verserà una lacrima per questo, ed è l’unico modo per fare terra bruciata attorno a una leadership dittatoriale e guerrafondaia.
L’Italia esporta soprattutto macchinari, prodotti alimentari e tessili. Importa dalla Russia quasi solo metano, anche se in quantità spaventose: circa la metà del nostro fabbisogno. Una schiavitù che non ci permette di essere liberi nei giudizi verso Putin&co: senza il gas russo ci scalderemmo con la legna e faremmo luce con le candele. Una dipendenza che non può essere scalfita se non nell’arco di 4-5 anni.
Giocoforza ci adegueremo alle sanzioni che verranno imposte alla Russia, sempreché l’escalation non ci porti verso dimensioni guerresche che avevamo dimenticato da moltissimo tempo. Saranno in genere di due tipi: finanziarie (il circuito russo uscirà da quello internazionale: significa tornare all’Ottocento in poche ore) e affini – e cioè ostracismo totale verso chi farà comunque affari con la Russia –; e di mancata fornitura di quelle componenti industriali senza le quali si fermeranno le fabbriche e i macchinari russi: ricambi, microchip, sistemi elettrici e informatici, treni e aerei…
Insomma voi ci sparate, noi vi strangoliamo.

Fonte: Sir
Tutti i diritti riservati
Un gigante militare con i piedi di argilla
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento