Attualità
stampa

I brividi dell’inverno italiano

di NICOLA SALVAGNIN

Si rischiano blackout programmati nelle forniture, soprattutto nella fascia oraria 16-21, verso febbraio-marzo

Parole chiave: Forniture gas (1), Inverno (1), Metano (4), Crisi energetica (2), Guerra (35), Bollette (3), Riscaldamento domestico (1), Scorte di gas (1), Russia (14), Putin (4), Draghi (4)
Termosifone con in primo piano la manopola graduata del termostato

di NICOLA SALVAGNIN

Il Governo Draghi ha fissato alcuni paletti per l’utilizzo e quindi il consumo di gas metano negli edifici italiani, con modalità più restrittive rispetto al passato. Orbene: nessuno potrà mai controllare se, a casa sua, la famiglia Rossi terrà il termostato a 20 piuttosto che a 19 gradi. Se le docce saranno un rapido momento di igiene personale o un lungo e costoso momento di benessere. Ma si tratta di un segnale chiarissimo: bisogna tirare la cinghia sui consumi
C’è un perché detto, e uno no. È necessario consumare meno gas perché dalla Russia ne arriverà meno, per nostra scelta. Ma il problema vero è se non ne arriverà proprio, per scelta di Vladimir Putin. 
Finora, per i russi, il taglio delle forniture ai clienti europei non ha comportato grandi disagi economici perché nel frattempo il prezzo del gas è quadruplicato. Noi abbiamo dovuto riempire le riserve strategiche durante l’estate per essere più tranquilli in inverno, purtroppo comprando metano a prezzi esorbitanti (un inciso: molte piccole e medie aziende distributrici hanno i serbatoi vuoti e sono vicine al collasso). 
Ma la realtà è che tale riserva non basta e non basterà, se la Russia dovesse azzerare le vendite nelle prossime settimane. E il pericolo temuto è proprio questo: ricordiamoci che siamo dentro una guerra economica (e non solo) con i russi, laddove noi vogliamo piegarli con le sanzioni economiche. E loro con le forniture di idrocarburi. 
Quindi niente di più probabile di una causa – vera o inventata – che blocchi i metanodotti che collegano Russia ed Europa. 
A quel punto dovremmo sperare che l’inverno non sia particolarmente freddo; che gli italiani capiscano la situazione e si adeguino; che le industrie ce la facciano, o in caso contrario che siano salvaguardate loro e i loro dipendenti. E che le riserve strategiche non siano pesantemente intaccate. 
Il fatto è che i giacimenti in cui è stato immesso il gas di scorta, non possono essere svuotati anche per questioni tecniche (calerebbe eccessivamente la pressione per l’estrazione). A quel punto andrebbero ripristinati, ma se non c’è gas in arrivo? E, a quel punto, quanto lo pagheremmo il poco in circolazione conteso da tutti i clienti europei? Ma questo i russi lo sanno benissimo. 
Una situazione che fa tremare. Di freddo o di paura, poco importa. Si rischiano blackout programmati nelle forniture, soprattutto nella fascia oraria 16-21, verso febbraio-marzo. Nel frattempo, regoliamoci tutti e preghiamo per un inverno mite e piovoso.

Fonte: Sir
Tutti i diritti riservati
I brividi dell’inverno italiano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento