Attualità
stampa

Storie di rifugiati di ieri e di oggi

di REDAZIONE

Gli ucraini ci fanno ricordare le “nostre” bombe. I ricordi di un testimone che ha vissuto gli anni più bui dell'ultima guerra

Parole chiave: Sfollati (1), Kiev (1), Ucraina (14), Emergenza (13), Immigrazione (20), Rifugiati (2), Guerra (31), Solidarietà (63), (Foto bumbledee@123RF.com) (1)
persone con bagagli in partenza con primo piano di un bambino dallo sguardo preoccupato

di REDAZIONE

I primi racconti di chi è scappato dai bombardamenti russi in Ucraina e ha trovato rifugio qui in Italia, ci fanno ripiombare in un passato che credevamo sepolto: quel biennio 1944-45 in cui le bombe piovevano copiose su Verona e dintorni, distruggendo case e infrastrutture e obbligando molti veronesi a scappare nelle campagne per trovare salvezza o comunque un tetto. Ce lo racconta un testimone d’eccezione, Gianfranco Carlini, che allora aveva quindici anni: ricordi lucidissimi che ci fanno ritornare alle sirene d’allarme, alle corse nei rifugi, ai bombardamenti che lasciavano macerie e vittime. Come oggi tra Kiev e dintorni, con le stesse angosce e le divisioni tra familiari che se ne vanno e quelli che restano, magari a combattere. Una comunità coesa, quella ucraina, che nel Bresciano ha in don Yulian Skaskiv un punto di riferimento almeno per i cattolici di rito greco. Ovunque, e soprattutto in provincia, fioriscono le iniziative di solidarietà e di raccolta di beni primari da consegnare a chi arriva o da portare in Polonia, Moldavia e Romania, dove si sta concentrando il grosso dei rifugiati.
Testimonianza di allora e storie attuali su Verona Fedele del 27 marzo 2022 disponibile in edicola e in parrocchia.

(Foto bumbledee@123RF.com)

Storie di rifugiati di ieri e di oggi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.