Attualità
stampa

L'invasione che non c'è

Radiografia dei 5 milioni di stranieri che risiede in Italia

Parole chiave: Stranieri (2), Dati (1), Immigrazione (5), Cestim (3)
L'invasione che non c'è

Quanti sono gli stranieri residenti in Italia? Circa cinque milioni. E il loro numero è pressoché stabile negli ultimi anni. Anche a Verona, prima provincia veneta per presenze, dove si contano 105.460 abitanti di origine straniera. Non c’è alcuna invasione, dicono le cifre del Dossier statistico sull’immigrazione, curato dal Centro studi e ricerche Idos di Roma e presentato la scorsa settimana dal Cestim, il Centro studi immigrazione.
«L’immigrazione è una questione sempre più politicizzata e avvolta da una percezione distorta: in realtà l’Italia non è né il Paese con il numero più alto di immigrati né quello che ospita più rifugiati e richiedenti asilo», precisa Gloria Albertini, sociologa del Cestim, illustrando i dati. In Italia i residenti stranieri provengono per metà dal continente europeo. A livello nazionale, lo Stato più rappresentato è la Romania, seguito da Albania, Marocco, Cina e Ucraina.
È il Centro-Nord Italia a catalizzare la maggior presenza di popolazione immigrata. Due stranieri su tre, infatti, si spalmano principalmente su cinque regioni: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Piemonte. Dall’Adige alla laguna veneziana sono meno di mezzo milione e rappresentano il 9,9% della popolazione totale. Più numerose appaiono le donne (pari al 52%); in generale, poi, gli immigrati sono più giovani della popolazione autoctona. Metà di loro è di religione cattolica, uno su tre è musulmano. L’origine è in linea con le statistiche nazionali, con poche differenze: uno su quattro arriva dalla Romania; dietro ci sono Marocco, Cina, Moldova e Albania.
«Il Veneto è la quarta regione per presenze, da tre anni in calo: solo nel 2017 sono cresciute di 2.416 unità, ma questo è da considerarsi un aumento marginale, che di fatto conferma una sostanziale stabilità demografica», aggiunge Albertini. In discesa le nascite: in terra scaligera sono venuti al mondo 1.773 neonati da genitori stranieri, «segno di una tendenza degli immigrati a uniformarsi col passare del tempo alle dinamiche riproduttive del Paese di residenza». A livello nazionale, le donne straniere hanno in media 1,97 figli a testa; le italiane 1,27 (il tasso atteso, quello cosiddetto di sostituzione, sarebbe di 2,1). «Il 14,8% del totale dei nati italiani sono stranieri – evidenzia la sociologa –. In parte l’immigrazione copre il calo del saldo demografico, ma non è sufficiente».
Sui banchi di scuola, da Brentino Belluno a Castagnaro, ci sono 18.201 alunni con cittadinanza non italiana; uno su due è nato in Italia. Lo scorso anno sono state 3.764 le acquisizioni di cittadinanza italiana a Verona e provincia. I nuovi permessi di soggiorno, invece, sono stati 4.039. «Il dato interessante è che metà di questi sono serviti ai ricongiungimenti familiari, che richiedono requisiti abitativi e reddituali ben precisi – spiega Albertini –. Siamo davanti a un movimento di ingressi regolari che non fa notizia: a far più rumore sono le richieste di asilo per motivi umanitari, che sono però meno numerose». Sul fronte economico, gli occupati stranieri in regione si attestano a 239mila, l’11% del totale; 32mila, invece, i disoccupati stranieri.
Chi lavora è impiegato principalmente nei servizi, nell’industria e, più marginalmente, in agricoltura. «Si registra una segmentazione sia professionale che retributiva; questi cittadini svolgono soprattutto impieghi manuali, in due casi su tre, spesso sottopagati: se un lavoratore italiano prende in media 1.389 euro al mese, uno straniero ne guadagna 280 euro in meno – rileva l’esperta –. A fare da contraltare è sempre più rilevante l’apporto degli immigrati al tessuto imprenditoriale locale: Verona è la prima provincia per numero di titolari d’impresa individuale nati all’estero, pari a 8.077». Alla redditività dell’inserimento nel mercato del lavoro dei cittadini immigrati concorrono anche le rimesse, ovvero i soldi risparmiati e inviati all’estero. «Nel 2017 sono stati 442,8 i milioni di euro spediti dal Veneto nei propri Paesi d’origine, in media 912 euro pro capite all’anno – conclude lo studio –. Di questi, 113 milioni sono partiti da Verona, in controtendenza rispetto al quadro generale in calo, segno che qui c’è stata un po’ di ripresa economica». 

Tutti i diritti riservati
L'invasione che non c'è
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento