Attualità
stampa

Come sarebbe stato il 2020? Bello, secondo gli oroscopi...

Il Covid ha alimentato credulità ben più pericolose: le spire di sette e satanismi attorno alle persone più fragili

Parole chiave: Sette (4), Gris (1), Oroscopi (1), 2021 (1)
Come sarebbe stato il 2020? Bello, secondo gli oroscopi...

Magia, esoterismo, mistero... E quelle baggianate chiamate segni zodiacali e oroscopo: nessuno dei quali aveva previsto nulla per questo infausto 2020 che si è appena concluso. Chissà quanti oroscopi avevano previsto “troverete l’amore” a chi invece ha trovato il Covid, magari con esiti infausti...

Ma a chi pensa che sia razionale prevedere e conoscere il futuro consultando date di nascita, ascendenti e incroci pseudo-stellari, la considerazione su esposta non importa un granché. E grandi danni non fa, questi, a pensare che domani sarà una giornata fruttuosa per gli affari grazie al benefico influsso di Giove, e dopodomani bisognerà stare attenti all’influsso negativo di uno del Capricorno.

Il problema diventa più grave se si entra in spirali ben più pericolose: sette delle più varie, satanismi, gruppi di truffatori o sfruttatori, insomma quando la nostra credulità – o un nostro bisogno di spiritualità che trova strade sbagliate – finisce in un vicolo cieco e a volte pericoloso.

Lo sa bene il Gris (Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa), associazione attiva nella nostra Diocesi, che si occupa di studiare e fornire consulenza su religioni, sette e affini. «È una spiritualità sempre più variegata quella che sta emergendo: colpisce con quanta velocità nascano proposte che riescono a far presa sul desiderio di sollievo interiore delle persone», osserva la coordinatrice Beatrice Marazzi, da 25 anni attiva nel Gris, oggi presieduto da Antonio Fasol. «Negli ultimi 8 anni si è parcellizzata ulteriormente la galassia della spiritualità orientale: c’è tutto un filone pseudo-spirituale che si sviluppa in contesti come le palestre e i centri estetici, non più legato a un guru, ma a una pratica, ad esempio lo yoga e la meditazione – chiarisce –. Il grande spartiacque, comunque, c’era stato 15 anni fa con l’esplosione del New Age, che partiva da questo assunto: non c’è bi- sogno di una fede alternativa, basta un’appartenenza. Allora c’era chi rimaneva 5-6 anni in questi movimenti, mentre adesso la ciclicità è di 6 mesi o al massimo un anno e poi si cambia, a volte portando avanti contemporaneamente più pratiche diverse».

Continui salti che evidenziano una realtà di fondo: l’insoddisfazione perenne. «In una società altamente stressogena, queste sono forme di fuga rassicuranti, palliativi per stare meglio nel momento», spiega Marazzi. In queste reti, evidenzia il Gris, non finiscono solo i creduloni o le persone con delle fragilità marcate: c’è tutta una schiera di “insospettabili”, dai manager in carriera alle donne con una solidità economica, ad arricchirne le fila. Insomma: non si cade in una setta solo dopo aver perso il lavoro o in seguito al naufragio di un amore.

«Queste persone hanno un grande vuoto interiore: non riescono a rispondere alla domanda: “Che senso ha la mia vita?”, manca la prospettiva ultima e cercano le risposte fuori di sé, spesso finendo disgregati e perdendo le reti amicali e familiari – spiega l’esperta –. Viviamo un’epoca in cui siamo contornati da persone in ricerca, ma che non sanno cosa stanno cercando: qualunque cosa trovino va bene, ma solo per un po’. Sono in realtà esploratori della spiritualità, che si avvicinano a qualsiasi proposta, dal volantino affisso su un muro all’ultimo ritrovato del web, senza alcun criterio di discernimento».

L'articolo completo sul numero del 10 gennaio 2021. 

Come sarebbe stato il 2020? Bello, secondo gli oroscopi...
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento