Attualità
stampa

Chi subisce la sanzione?

di NICOLA SALVAGNIN

Uno strumento potente, che fa malino a chi le promuove, malissimo ai popoli che le subiscono

Parole chiave: Sanzioni (5), Russia (11)
bitcoin (Copyright: © 2018 QuoteInspector.com)

di NICOLA SALVAGNIN

Per amore di verità, diciamone una che non abbia altri fini: le sanzioni economiche lasciano il tempo che trovano. Sono uno strumento potente, che fa malino a chi le promuove, malissimo ai popoli che le subiscono, praticamente niente a quei dittatori o governi contro le quali è indirizzato. È prova provata: l’Iran è sotto sanzioni da molto tempo, e gli ayatollah sono sempre lì; il Venezuela paga una crisi umanitaria enorme, mentre Nicolas Maduro e la sua ghenga rimangono saldi al loro posto. In Corea del Nord siamo lì, non cambia nulla. 
I cittadini russi col tempo sentiranno i morsi delle possenti sanzioni occidentali (mancherà quasi tutto: dalle attrezzature sanitarie ai ricambi per auto e aerei), ma sono governati dalla paura, non dal consenso. E chi fa loro paura, non ha paura di subire quel tipo di sanzioni. 
Anche perché i “circuiti collaterali” per evitare l’infarto economico e sociale sono molti, e già attivi: si triangola economicamente con Paesi amici o non ostili come la Serbia, la Turchia, l’India; si può contare sull’appoggio della Cina, che non è certo un appoggio minuscolo. Infine si continua a fare affari con chi ti ha messo sotto sanzioni, visto che non smettiamo di comprare dalla Russia petrolio e gas. 
Quindi le sanzioni non servono? No, al contrario, se si vuole rispondere ad un’aggressione militare senza usare i militari. Cioè se alle bombe si preferiscono i blocchi alle esportazioni. Anche perché in questo caso si passerebbe in un amen a quelle atomiche… 
Ma: o le sanzioni strangolano immediatamente, o appartengono a quelle prassi che usiamo adottare per far vedere che “non la passeranno liscia”, che non bisogna oltrepassare quella linea rossa, che siamo vicini ai popoli che soffrono. In realtà sapevamo – e lo sapeva perfettamente Vladimir Putin – che i russi possono adattarsi a pane e cipolle, lo vogliano o meno; l’opinione pubblica occidentale invece non vuole né può rinunciare al proprio tenore di vita e al posto di lavoro per le sorti del Donbass. 
Se le fosse imposto, alle prossime elezioni (perché qui c’è la democrazia e la libertà di voto) rischieremmo di avere come presidente del Consiglio il cugino di Putin

Fonte: Sir
Tutti i diritti riservati
Chi subisce la sanzione?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento