Attualità
stampa

Aiutiamo chi aiuta

di NICOLA SALVAGNIN

Quanto si fa “sentire” il Terzo settore tra la pubblica opinione e la classe dirigente?

Parole chiave: Welfare (12), Volontariato (69), Terzo Settore (18), Economia (120)
Mosaico di immagini sul volontariato

di NICOLA SALVAGNIN

Le famiglie, i negozi, le acciaierie, i trasportatori… Per carità: il caro-energia non sta risparmiando nessuno, in Italia come altrove. C’è da dare sostegno alle fasce più deboli o esposte a questa tempesta economica. E se appunto è questa la giusta logica da seguire, allora nessuno si dimentichi del Terzo settore
Un esempio su tutti: le case di riposo. Se il costo del riscaldamento raddoppia, per queste strutture la situazione rischia di diventare drammatica: non si possono lasciare gli ospiti al freddo, né si possono aumentare le rette alla chetichella. Quindi entrate fisse, costi alle stelle. 
Trasporto anziani e/o disabili: i pulmini vanno a gasolio, il costo del quale è aumentato a dismisura. Qualcuno comincia a non farcela più. Ma chi paga alla fine il costo di queste situazioni? E il riscaldamento e la luce funzionano pure per ospedali, centri diurni, asili nido e altre strutture di welfare che in questo momento rischiano di non farcela. I fornitori non accettano rubli o soldi del Monopoli per i pagamenti… 
Non sono solo questi i problemi economici che il Terzo settore sta affrontando in questo rigido 2022. I Comuni e gli enti locali a loro volta non se la stanno passando bene, e quindi fanno orecchie da mercante alla richiesta di ulteriori sostegni: già tanto se rinnovano quelli vecchi. La sanità pubblica ha risucchiato molti operatori socio-sanitari e infermieri con l’emergenza Covid, lasciando sguarnite le corsie delle case di riposo; il volontariato fatica molto a trovare nuove leve, subentranti a chi – per una ragione o l’altra – non offre più la sua disponibilità. 
C’è infine la questione della generosità pubblica, espressa anche attraverso lo strumento del 5 per mille. È un momento in cui è giustamente dirottata verso altre direzioni. Però pure questo rischia alla fine di sottrarre risorse preziose. E il problema ultimo è sempre lo stesso: quanto si fa “sentire” il Terzo settore tra la pubblica opinione e la classe dirigente? Perché non ce n’è uno che non apprezzi i servizi e la generosità di questo mondo. Salvo poi rimanere sempre in disparte quando c’è da ottenere finanziamenti. O dimenticarsi che pure i pulmini scolastici si muovono col gasolio e non con le buone intenzioni

Fonte: Sir
Tutti i diritti riservati
Aiutiamo chi aiuta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento