Attualità
stampa

Verona città a rischio chiusura

di REDAZIONE

Visitatori azzerati, settori in sofferenza: Il lockdown silenzioso di una città che deve riprogrammarsi

Parole chiave: Turismo (38), Commercio (11), Fiere (2), Economia veronese (2)
Vetrina del centro storico di Verona con il cartello "Chiuso"

di REDAZIONE

Alberghi chiusi o vuoti; ristoranti e bar senza turisti, che latitano pure nei musei, sui bus e taxi, soprattutto dentro i negozi cittadini. Se sul lago di Garda la bassa stagione ha un po’ messo in letargo le strutture di accoglienza, in attesa dell’auspicata ripresa primaverile, in città si parla di un “lockdown silenzioso”: si chiude, si riducono le aperture, si mette il personale in ferie, si attendono ristori che ora mancano da parte dello Stato. I saldi stagionali si stanno rivelando un flop, il giro di vite sui Green pass non aiuterà di certo il commercio, il caro bollette si sta facendo sentire per tutti in un momento di scarni fatturati. Gli addetti al settore sperano in una ripresa primaverile spinta dal calo dei contagi («ma evitiamo di continuare a drammatizzare!»), in una migliore programmazione dei vari eventi, in un Vinitaly che sia veramente di traino per una città che sui servizi e il turismo basa i tre quarti della propria economia. Ecco: il Vinitaly dovrà esserci, nessuno può permettersi una terza edizione saltata di fila, a cominciare dalla Fiera per passare all’aeroporto, agli alberghi, alla ristorazione, alle botteghe...
Analisi e commenti su Verona Fedele del 23 gennaio disponibile in edicola e in parrocchia.

Verona città a rischio chiusura
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento