Editoriale

stampa

Quella di quest’anno (purtroppo) molto particolare si prospetta come un’estate all’insegna del turismo di prossimità, vista la situazione di pandemia che quantomeno sconsiglia lunghi viaggi, soprattutto all’estero...

Ci sono domande, più importanti delle risposte, che segnano le epoche e cambiano la storia. Anche nel nostro tempo, caratterizzato dal progresso scientifico e tecnologico, si fanno strada nuovi dubbi e interrogativi...

La recente festa di sant’Antonio mi riporta alla mente una domanda riguardo il culto che viene reso dentro la basilica del santo di Padova alla reliquia della lingua incorrotta...

Ci sono parole che uccidono e parole che risanano. Parole che possono opprimere, umiliare, distruggere. E altre rispettare, apprezzare, ammirare. Ci sono parole come pietre. Parole come ali. Silenzi che parlano. E parole che non arrivano mai.

Ero abituato a vederli indosso a coloro che lavorano per asfaltare le strade o sono impegnati a svolgere un servizio d’ordine...

È più facile cambiare il modo di pensare le cose che non il modo di viverle. Ovvero è più facile piegare il pensiero allo stile di vita al quale siamo abituati (soprattutto chi vive alla maniera borghese) piuttosto che adeguarlo a quanto l’intelligenza suggerirebbe visti i tempi...

La pandemia di Coronavirus che ci ha “tenuti in ostaggio” per quasi tre mesi ha segnato la nostra vicenda personale e collettiva ed entrerà nei libri di storia per l’elevato numero di vittime che ha provocato, per i contraccolpi in campo economico e sociale che ne sono derivati e dei quali è facile prevedere subiremo a lungo gli effetti...

Gli ottimisti sono speranzosi: «Usciti da questa prova, saremo tutti migliori, questa malattia ci renderà più solidali, responsabili e riflessivi». Ultimamente recuperano terreno i pessimisti che invece dicono: «Siamo diventati peggiori di prima: più egoisti, cattivi e individualisti, perché se c’è qualcuno che dà il meglio di sé, nella maggioranza dimostriamo che non c’è limite al peggio»...

Sembrava che l’inizio della fase 2 fosse destinato a segnare l’avvento di una nuova era, da festeggiare con lo spumante tenuto in frigo per le grandi occasioni...

Ci siamo rimasti tutti male sentendo nella comunicazione del presidente del Consiglio di domenica sera sulle nuove regole emanate per la fatidica fase 2, che sostanzialmente le celebrazioni liturgiche saranno le ultime a ripartire...