Provincia
stampa

Erbezzo. “Ama la Lessinia, rispetta l’ambiente”

il benvenuto grafico degli scolari di Erbezzo che hanno vinto un concorso voluto da Comune e Parco naturale regionale

Parole chiave: Parco naturale regionale (1), Bosco Chiesanuova (7), Erbezzo (2), Lessinia (19)
Il manifesto creato dai ragazzi

Api e farfalle che svolazzano tra una distesa di fiori colorati. E uno slogan che campeggia sullo sfondo giallo: “Ama la Lessinia, rispetta l’ambiente”. D’ora in avanti, a dare il benvenuto ai visitatori della montagna veronese sarà un cartello ideato dalla pluriclasse di quarta e quinta della primaria di Erbezzo. L’idea è frutto di un concorso, promosso per l’anno scolastico 2018/2019 dal Comune di Bosco Chiesanuova con la collaborazione del Parco naturale regionale, che ha coinvolto gli studenti dell’Istituto comprensivo. Creatività che è stata premiata con un buono da 600 euro e la consegna di libri sulle tematiche della sostenibilità, del rispetto per l’ambiente e dell’attenzione ai cambiamenti climatici.
«Finalità dell’iniziativa era sostituire la tabella realizzata negli anni Settanta dalla Cassa di risparmio», ha esordito l’assessore comunale all’Istruzione Lorenza Corradi, in apertura di premiazione che si è svolta in videoconferenza. Era componente della giuria assieme al consigliere Daniele Garonzi, alla bibliotecaria Loretta Scandola, al direttore del Parco Diego Lonardoni, al pittore Michele Tale, allo studioso Ugo Sauro e al dirigente scolastico Alessio Perpolli. Il messaggio della vecchia cartellonistica, “Lessinia bella e vicina”, ha ampliato l’orizzonte al rispetto della natura in generale: «Dobbiamo amare il nostro territorio e, per amarlo, dobbiamo rispettarlo. Dobbiamo interagire con la natura, che è bene prezioso», ha aggiunto Corradi.
La tabella sarà messa a disposizione di tutti i comuni della Lessinia con una variabile, ben evidente, quando collocata su sentieri che attraversano aree private: la scritta “Rispetta la proprietà privata che ti accoglie”. «Venite in Lessinia, frequentatela. Noi siamo qui», ha sottolineato il sindaco di Bosco, Claudio Melotti. Però all’ospitalità si deve aggiungere la consapevolezza: «L’ambiente è il motore di sviluppo del nostro futuro, soprattutto dopo questa pandemia», ha rimarcato, esortando i visitatori ad avere sensibilità e la medesima attenzione di quando si entra in casa altrui. «La montagna è così perché c’è chi se ne prende cura. È un territorio aperto che si vuole aprire all’esterno, ma che ha bisogno di riconoscimento da parte di chi lo frequenta», gli ha fatto eco il primo cittadino di Erbezzo, Lucio Campedelli.
Se la vicinanza è una coordinata geografica, la bellezza appartiene alla collettività. «È importante che i ragazzi, assieme agli adulti, non diano per scontato il valore della natura. Siamo tutti custodi di questo patrimonio in senso ampio e le giovani generazioni devono crescere con questo pensiero», ha concluso Perpolli, auspicando che molti di questi ragazzi conservino il legame con le proprie origini montane e scelgano di rimanere ad abitare le terre alte.
Altri riconoscimenti speciali sono andati alla scuola dell’infanzia di Corbiolo per i gruppi dei medi e dei grandi; ad Alessandro Salgari, Katia Zanini, Eva Avesani per la sezione della scuola primaria; agli alunni Franci, Pietro, Simone, Filippo della classe quinta della primaria di Bosco; infine a Vittoria Cavazza, Marco Dal Dosso e Denisa Iancu della secondaria di primo grado.

Tutti i diritti riservati
Erbezzo. “Ama la Lessinia, rispetta l’ambiente”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento