Parrocchie
stampa

Ventotto famiglie bisognose supportate dal gruppo “Donare per ricominciare”

di FABIO TOMELLERI

A Bovolone la solidarietà corre in aiuto di chi si è trovato in difficoltà per la pandemia: ecco nel dettaglio il progetto e i suoi possibili sviluppi 

Parole chiave: Vita Chiesa (1), Parrocchie (22), Solidarietà (45), Volontariato (49), Bovolone (6), Buone Notizie (3)
Ventotto famiglie bisognose supportate dal gruppo “Donare per ricominciare”

di FABIO TOMELLERI 

Settantotto interventi a favore di 28 famiglie bisognose, per un totale di 10.200 euro distribuiti sotto forma di aiuti di vario genere, dal pagamento delle bollette alla consegna della spesa a casa.
 

È questo il bilancio del primo anno di attività del gruppo di solidarietà “Donare per ricominciare”, nato in occasione del lockdown imposto l’anno scorso dall’emergenza Covid su iniziativa di alcuni cittadini. L’iniziativa si è poi sviluppata in collaborazione con la parrocchia di San Giuseppe e il Comune di Bovolone.
Il sodalizio spontaneo, oggi costituito da 14 volontari, è stato presentato ufficialmente alla comunità sabato 6 febbraio, nella vecchia chiesa parrocchiale di San Biagio, adiacente al duomo bovolonese. Attività e testimonianze del progetto sono state introdotte da Davide Avanzo, uno dei volontari, mentre le conclusioni sono state affidate a don Cristiano Tezza, parroco moderatore di Bovolone.
Il sostegno solidale, rivolto soprattutto a quelle famiglie che si sono trovate a fare i conti con l’emergenza economica e sociale scaturita dalla pandemia, è stato garantito dopo colloqui telefonici e in presenza con i richiedenti nel massimo rispetto della privacy e delle norme anti-Covid. Secondo il rendiconto, il 71 per cento degli interventi è stato rivolto a coprire i costi di bollette di energia elettrica, gas, acqua potabile dei richiedenti, mentre il nove per cento degli aiuti è servito per pagare rate di mutui arretrati. Spesa e assicurazioni a favore dei bisognosi hanno assorbito, entrambe, il sette per cento delle elargizioni, mentre un due per cento di finanziamenti è stato destinato al pagamento degli affitti arretrati, scongiurando lo sfratto dei nuclei interessati.
 

I coniugi Domenico e Rossana Rossignoli hanno raccontato come è nata l’idea di quest’operazione: «In un momento di difficoltà come questo ci siamo chiesti come potevamo impiegare al meglio il nostro tempo a favore di chi stava peggio. In breve siamo riusciti a coinvolgere altre persone e istituzioni».
Il prossimo obiettivo del gruppo sarà quello di creare un centro di ascolto a Bovolone; per questo motivo saranno programmati tre incontri di formazione, in modalità da definirsi, che si terranno dalle 15 alle 17 nei giorni di sabato 27 febbraio, 6 e 13 marzo. I momenti formativi verranno realizzati dalla Caritas diocesana e da quella di San Giovanni Lupatoto. Gli interessati potranno scrivere all’indirizzo email: donarericominciare@gmail.com; per partecipare l’iscrizione è obbligatoria.

Tutti i diritti riservati
Ventotto famiglie bisognose supportate dal gruppo “Donare per ricominciare”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento