Attualità
stampa

Inclusione a scuola: nasce l’idea solidale “Compagni di banco”

L'idea è coinvolgere studenti "senior" che aiutino gli alunni in difficoltà a rimanere al passo con lo studio

Parole chiave: Scuola (60), Solidarietà (41)
Inclusione a scuola: nasce l’idea solidale “Compagni di banco”

Studenti “senior”, che abbiano appena conseguito la maturità o iniziato da poco l’università, disponibili ad affiancare un alunno delle elementari, medie o superiori in difficoltà con lo studio. La solidarietà (nella sua declinazione digitale) entra idealmente nelle aule delle scuole con l’iniziativa Compagni di banco”, intuizione di Christian Perdonà, titolare dell’omonima agenzia di comunicazione.
La corsa alla scuola digitale imposta dal blocco delle attività causate dal Coronavirus ha trovato un'Italia ancora impreparata. Divario che, se troveranno conferma le prospettive ipotizzate per il prossimo anno scolastico, potrebbe scatenare una serie di disparità sociali, con i più ricchi in rete e i più poveri offline, scollegati dalla società e dal futuro.
Qui trova senso ed entra in gioco la figura del “Compagno di banco”: uno studente che, attraverso il telefono, può supportare l’alunno in difficoltà, facendogli da tutor e seguendolo passo a passo nel percorso scolastico. Un aiuto concreto, che responsabilizza e coinvolge i ragazzi in prima persona, rendendoli protagonisti di una scuola più giusta e inclusiva.
«Anche una piccola azione conta – spiega Perdonà – soprattutto in questo momento e nell’ambito scolastico. Diventare un “Compagno di banco” significa aiutare uno studente più piccolo che, non potendo connettersi alla scuola digitale, è rimasto indietro con lo studio, e stargli vicino con un gesto semplice ma potente, dando ali a un’istruzione che deve volare alto senza lasciare mai indietro nessuno».
Il progetto, ovviamente senza scopo di lucro, si propone di creare una rete solidale per finanziare progetti di solidarietà digitale come fornire una connessione o un computer a famiglie disagiate, coinvolgendo soggetti pubblici e privati nei confronti del quale il dialogo è aperto. Attualmente l’iniziativa è in cerca di finanziatori che possano dare solidità e supporto economico al progetto.

Tutti i diritti riservati
Inclusione a scuola: nasce l’idea solidale “Compagni di banco”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento