Il Calciastorie
stampa

Se gli ostacoli della vita nascondono un fossato

La vita a volte è complicata come una lunga corsa a ostacoli, cantava Max Pezzali (Io ci sarò, 1998) aggiungendo però che, al nostro fianco, corrono le persone che ci sono care...

Parole chiave: Il Calciastorie (72), Lorenzo Galliani (44), Sport (80), Calcio (77)

La vita a volte è complicata come una lunga corsa a ostacoli, cantava Max Pezzali (Io ci sarò, 1998) aggiungendo però che, al nostro fianco, corrono le persone che ci sono care. Non siamo soli nelle fatiche quotidiane: un problema fisico, lo sgarbo di un collega o semplicemente una giornata storta sono solo alcuni degli ostacoli, piccoli o grandi che siano, che ci tocca saltare. A volte gli ostacoli sono proprio fisici, come quelli che separano i calciatori dai tifosi: reti, recinzioni, muri, cartelli.
Solo in casi particolari – come una promozione in Serie A o la conquista di una coppa – diventano inesistenti, dando vita alle invasioni di campo. Altrimenti l’ostacolo resta. Ed è giusto ma anche un peccato, soprattutto se sei un calciatore che ha appena segnato un gol e vorresti ricevere l’abbraccio dei tifosi. Benjamin Kololli, 26enne centrocampista dello Zurigo (e della Nazionale kosovara), qualche gol ogni tanto lo fa.
Succede anche il 20 settembre, nella trasferta contro i ciprioti dell’Aek Larnaca, prima partita della fase a gironi di Europa League. Dopo un quarto d’ora della ripresa l’arbitro fischia un rigore per lo Zurigo e Kololli si incarica della trasformazione. Pallone a destra e portiere a sinistra, spiazzato. Rimane solo da festeggiare assieme ai tifosi giunti fino all’isola nel cuore del Mediterraneo. Sono lì, a pochi passi. Per abbracciarli, bisogna superare un ostacolo: la fila di pannelli pubblicitari. Benjamin la salta, ma vede un altro piccolo muretto tra lui e i suoi fan. L’ennesimo ostacolo: salta pure quello e sparisce dalla vista di tutti. Sì, decisamente, perché oltre quell’ostacolo c’è un fossato di tre metri. In teoria dovrebbe tenere lontani i tifosi che vogliono andare in campo e non i calciatori che corrono verso la curva, ma l’effetto è lo stesso. «Me ne sono reso conto subito – racconterà Kololli – ma ormai ero già in volo». In quei secondi, c’è chi si è messo le mani nei capelli, chi non si è accorto di nulla e chi si è fatto una risata: ma se Benjamin si fosse fatto male ci sarebbe stato davvero poco da ridere. È andata bene, così come quando – in una partita, ma anche in famiglia o al lavoro – si superano giorno dopo giorno gli ostacoli. Possibilmente, nel modo giusto.

Se gli ostacoli della vita nascondono un fossato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento