Il Calciastorie
stampa

La finale dei mondiali 2002 e quella tra le ultime della classe

Al quarto minuto, su calcio d’angolo, il difensore dei verdi spazza l’area come peggio non potrebbe: ne viene fuori un pallone a campanile sul quale si avventa il capitano dei gialli...

Parole chiave: Il calciastorie (88), Lorenzo Galliani (49), Sport (96), Calcio (96)

Al quarto minuto, su calcio d’angolo, il difensore dei verdi spazza l’area come peggio non potrebbe: ne viene fuori un pallone a campanile sul quale si avventa il capitano dei gialli. Colpo di testa apparentemente innocuo, se non fosse che il terreno di gioco è brullo come un campo appena arato, e un rimbalzo strano tradisce il portiere. Il bis arriva su calcio di punizione (e sì, stavolta l’estremo difensore, dai riflessi non proprio fenomenali, qualche responsabilità ce l’ha). I gialli dilagano con un tiro scagliato comodamente da dentro l’area e con un autogol. Finisce 4-0, con una grande festa alla quale partecipano decine di migliaia di spettatori. La partita è Bhutan-Montserrat, due nazioni con ben poco in comune. Il primo è un piccolo regno nell’Himalaya. L’isola di Montserrat invece è nel mar dei Caraibi, tanto meravigliosa quanto ancora sofferente dopo l’eruzione del 1995 che ne distrusse oltre la metà. Si gioca il 30 gi­­ugno 2002: stesso giorno della finale dei mondiali tra il Brasile di Ronaldo e la Germania. È il Bhutan – tramite un’agenzia olandese – a invitare il Montserrat: le due nazionali di calcio sono agli ultimi posti della classifica Fifa (202° e 203°). Forse non sono neppure le squadre più scarse del pianeta, ma di partite ufficiali ne hanno disputate davvero poche, ed ecco spiegato il punteggio così basso. Si gioca a Thimpou, a 2.300 metri di altitudine, vette alle quali i caraibici non sono abituati. Non è però l’unico ostacolo al quale fare fronte, visto che arrivano in ritardo per il maltempo e mezza squadra si ammala per un’intossicazione alimentare. “L’altra finale” ispira un documentario, con i gialli – il Bhutan, appunto – a sollevare l’ambito trofeo di penultima della classe. È solo una partita, è vero. Ma è anche la testimonianza di come, in fin dei conti, ogni occasione sia buona per generare un incontro.

Tutti i diritti riservati
La finale dei mondiali 2002 e quella tra le ultime della classe
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento