I nostri amici animali
stampa

Quando il lupo divenne il migliore amico dell’uomo

Circa 18.000 anni fa una tribù di esseri umani è intenta a divorare la cena. Un branco di lupi osserva il tutto a debita distanza. Gli uomini vedono i lupi, i lupi gli uomini. Nessuna paura, ma un rispetto reciproco...

Parole chiave: Amici animali (2), Lupo (1), Andrea Tessari (1), Veterinario (4)
Quando il lupo divenne il migliore amico dell’uomo

Circa 18.000 anni fa una tribù di esseri umani è intenta a divorare la cena. Un branco di lupi osserva il tutto a debita distanza. Gli uomini vedono i lupi, i lupi gli uomini. Nessuna paura, ma un rispetto reciproco: i lupi rimangono nelle vicinanze senza attaccare, mentre gli uomini lasciano dei resti commestibili a disposizione dei lupi. Una sera i lupi si agitano nervosamente: ringhiano, ululano e poco dopo scompaiono nel buio. Anche gli uomini si agitano. Un grosso felino dai denti estremamente lunghi e aguzzi si avvicina quasi impercettibile nelle tenebre; è dotato di un’agilità e potenza senza eguali e ha già mietuto vittime in passato. Questa volta però la tribù è preparata: grazie ai lupi il possente felino non può attaccare di sorpresa! Gli uomini sono pronti e riescono ad allontanare la bestia. I lupi sono contenti che gli esseri umani siano rimasti in vita, specialmente perché continueranno ad approfittare dei loro avanzi.
Una mattina quattro cacciatori della tribù inseguono un cervo gigante, veloce e combattivo. Sono esausti dopo un’intera giornata di caccia infruttuosa. Improvvisamente dal nulla appaiono alcuni lupi del branco. Il maestoso cervo avverte la loro presenza e vuole fuggire, ma non gli resta che una direzione possibile, tornare verso i cacciatori, che approfittano subito dell’inaspettato aiuto: una lancia trafigge con precisione il cuore del cervo. La caccia ha avuto successo; ai lupi restano gli avanzi...
Alcuni giorni dopo un falò è accesso all’entrata della caverna, vicino al fuoco si assapora un accogliente tepore. Un lupo si allontana lentamente dal branco e azzarda alcuni passi verso l’accampamento. Anche uno degli uomini dimostra un coraggio incredibile, al limite dell’incoscienza, e si dirige lentamente verso quel lupo. I due “coraggiosi” si fronteggiano in un territorio neutrale, avvicinandosi con cautela, lentamente. Il lupo avanza evitando il diretto contatto con gli occhi dell’uomo, il quale tende lentamente una mano aperta verso l’animale, mentre con l’altra tiene ben stretta l’arma per ogni evenienza. Il lupo annusa cautamente il palmo offertogli e l’uomo, come per magia, accarezza dolcemente il mento del quadrupede: la barriera tra questi due mammiferi sembra non esserci più.
Quando circa 40 milioni di anni fa un enorme pezzo di terra si staccò dall’Africa, alzando montagne superiori agli 8.000 metri e alterando radicalmente il clima del pianeta, i comuni antenati di scimmie e uomini furono costretti a scendere dagli alberi, trovandosi subito in concorrenza proprio con i primi lupi, con i quali condividevano le prede e per certi aspetti le stesse strategie di caccia. Il confronto/scontro divenne inevitabile; da quel momento si crearono i presupposti per i primi tentativi di addomesticamento su giovani lupacchiotti, in diverse parti del globo, come dimostrano innumerevoli testimonianze archeologiche.
Tale domesticazione fu favorita dalla naturale attitudine di questa specie a sottomettersi alle regole gerarchiche di un branco. Da allora il cane è diventato mirabile strumento di caccia, guardiano del focolare, cane da guerra, da difesa, da salvataggio, fedele compagno. Talvolta divino e talvolta pietanza, amato o maledetto per la cattiva reputazione di animale aggressivo, pericoloso, mangiatore di carogne. Simbolo assieme al leone di lealtà, obbedienza, gratitudine, forza e lealtà. Animale da compagnia, status symbol o “strumento” di compensazione delle nostre mancanze, sempre e comunque protagonista attivo nella vita dell’uomo fin dagli albori del mondo.
*medico veterinario

Tutti i diritti riservati
Quando il lupo divenne il migliore amico dell’uomo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento