Editoriale
stampa

Cristiano Ronaldo o meglio il marchio CR7

È il tormentone dell’estate, l’affare Ronaldo, e non riempie solo le pagine sportive. Se n’è occupato seriamente anche Il Sole 24 ore per spiegare tutti i risvolti dell’“affare del secolo”: il passaggio del campione del Real Madrid alla Juventus non è una operazione solo sportiva. Lo sport come disciplina ricreativa per migliorare le proprie capacità fisiche e psichiche passa in secondo piano soffocato da milionate di euro...

Parole chiave: CR7 (1), Editoriale (175), Stefano Origano (58), Cristiano Ronaldo (3)

È il tormentone dell’estate, l’affare Ronaldo, e non riempie solo le pagine sportive. Se n’è occupato seriamente anche Il Sole 24 ore per spiegare tutti i risvolti dell’“affare del secolo”: il passaggio del campione del Real Madrid alla Juventus non è una operazione solo sportiva. Lo sport come disciplina ricreativa per migliorare le proprie capacità fisiche e psichiche passa in secondo piano soffocato da milionate di euro.
Questa vicenda, prima vagheggiata come fantacalcio, si è via via disvelata una sofisticata operazione commerciale dove le considerazioni tecniche su un calciatore fenomenale, ma già 33enne, non hanno più valore. Qui si parla di soldi. Tanti soldi. Troppi soldi (come sostengono i lavoratori della Fiat che hanno proclamato uno sciopero nello stabilimento di Melfi).
Ecco a voi CR7 ossia un brand internazionale, un marchio – meglio sarebbe dire un impero – costruito con cura certosina attraverso lo storytelling del bambino dall’infanzia difficile che diventa il gladiatore dai dorsali di titanio, l’eroe che non teme il logorio degli anni; attraverso una eccellente strategia di marketing (con un marchio di intimo, hotel, musei...) coadiuvata da una gestione dei social che vanta milioni di “amici”. Insomma, Cristiano Ronaldo é una multinazionale che oggi vale circa 280 milioni dì dollari, destinati a crescere vertiginosamente. Verrebbe da chiedersi se veramente la Juve abbia comprato Ronaldo o se piuttosto non sia stato lui a comprarsela per farne un piedistallo al suo personaggio. In realtà si tratta di un co-branding che va fuori dal campo di gioco per conquistare i mercati e le sponsorizzazioni mondiali. Ma cosa cerca chi compra nel negozio CR7-Juve? Un sogno sexy, lo stesso appeal seducente che esercita Cristiano indistintamente su uomini e donne, su bambini e adulti.
Per quanto riguarda i risultati sul campo forse li vedremo (magari con qualche rovesciata mirabolante) o forse no, ma intanto la macchina da soldi é pronta e basta premere sull’acceleratore per farla partire alla conquista del mondo. Peccato che in tutto questo il pallone sia diventato sempre più piccolo fino ad assomigliare alla pallina che gira sulla roulette. E lì si sa che il banco vince sempre.
La galassia più brillante finora scoperta nell’universo remoto si chiama “Cosmos Redshift 7”, abbreviato in CR7, in omaggio all’astro del pallone – mi chiedo: si sarà comprata pure questa? –. Ma occhio ai buchi neri!

Tutti i diritti riservati
Cristiano Ronaldo o meglio il marchio CR7
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento