Attualità
stampa

Quei ragazzini in strada senza più orientamento

di REDAZIONE

Allarme in città per il fenomeno delle gang giovanili. La diffusione di un fenomeno che segnala un malessere giovanile in deciso aumento anche sul territorio di Verona

Parole chiave: Giovani (53), Disagio (4), Pandemia (16), Baby Gang (4)
Gruppo di ragazzi in controluce dall'aspetto inquietante e minaccioso

di REDAZIONE

Dai 14 ai 17 anni, quasi sempre maschi, nei quartieri come in certe zone del centro città. Gruppi spesso con la bottiglia o la “canna” in mano, dediti a volte a una violenza – tra loro o contro chiunque s’imbatta in loro – così cieca e gratuita che sta diventando un’emergenza sociale. Gli educatori ci dicono che sono adolescenti alla deriva, senza punti di riferimento (tra l’altro scardinati dai lockdown), con la scuola che sta diventando sempre di più un’opzione, con il Codice penale dietro l’angolo. Un fenomeno che non riguarda solo Verona, e certamente la nostra città non è un sobborgo degradato di una metropoli. Ma i controlli delle forze dell’ordine si intensificano mentre aumentano giorno dopo giorno le “bravate” di questi ragazzini senza arte né parte, che – come dice il sindaco Federico Sboarina – dobbiamo a tutti i costi recuperare perché «sono i cittadini di domani».
Intervista all'esperto don Giovanni Fasoli, psicologo dell'educazione e a Marco Padovani, assessore alla Sicurezza su Verona Fedele del 28.03.2021 disponibile in edicola, in parrocchia e anche sulla nuova app (per gli abbonati)

Quei ragazzini in strada senza più orientamento
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.