Attualità
stampa

La terza età si mette in cammino

Un libro sull’escursionismo dedicato a chi transita per la terza età

Parole chiave: Terza età (3), Escursionismo (1), Vita sana (1), Salute (30)
La terza età si mette in cammino

“Camminare ci ha reso possibile diventare quello che siamo e, se smettessimo di farlo, smetteremmo anche di esser noi stessi”: con questa citazione, tratta da Camminare. Un gesto sovversivo di Erling Kagge, si apre il volume Ancora in cammino. Escursionismo nella terza età, a cura di Maurizio Carbognin, sociologo e responsabile del Gruppo seniores Cai d’Argento del Cai di Verona, e con i contributi di Mario Comper, Ezio Etrari, Antonio Iannucci e Antonio Mattielli (Cierre edizioni, 2019).
Un libro che nasce dalle esperienze di escursionismo dei Gruppi seniores del Cai ed è rivolto agli amanti della montagna e del camminare, esperti o neofiti. “Molti di noi da giovani non andavano in montagna, hanno cominciato e si sono iscritti al Cai nel momento della pensione, ed è straordinario guardare la meraviglia di chi vede per la prima volta la maestosità delle vette da vicino. Per gli alpinisti di lungo corso, invece, poter ritornare sul luogo del delitto è una gioia altrettanto grande”, scrive Carbognin nella sua introduzione. In realtà l’idea di un volume rivolto alle persone “di una certa età” ha preso forma alla luce di un fenomeno impossibile da trascurare oggi: il progressivo invecchiamento della popolazione ha portato a un aumento considerevole degli over 60 che scelgono di scoprire o riscoprire la passione per l’escursionismo.
Da qui l’esigenza di un “manuale” per principianti anziani, ossia un compendio capace di aiutare l’escursionista alle prime armi ad arrivare preparato all’incontro con la montagna. «Questo fenomeno sta crescendo in tutto il Nord Italia e ci costringe a rivedere le modalità di gestione dei gruppi – spiega Carbognin –. Solo nel Triveneto si contano 25 gruppi seniores e bisogna prendere in considerazione il fatto che, la maggior parte di queste persone, ha iniziato a frequentare la montagna una volta terminata l’attività lavorativa».
Nel libro Ancora in cammino si trovano spunti e testimonianze, suggerimenti e statistiche. Perché sono tanti i fattori da prendere in considerazione prima di mettersi in cammino: la scelta della meta, la valutazione delle difficoltà e del proprio livello di allenamento, la lunghezza delle giornate e di conseguenza le ore di luce a disposizione; ma anche la capacità di leggere e interpretare in modo corretto la segnaletica, per evitare spiacevoli soprese. E non solo: una parte consistente del libro è dedicata a importantissimi consigli pratici che permettono di affrontare la montagna evitando molto errori, quelli tipici dei principianti, a qualunque età. Ecco allora indicazioni precise sulle calzature da indossare, su come vestirsi, su come preparare lo zaino mettendoci tutto il necessario e come poi indossarlo per distribuire il suo peso in modo corretto.
Antonio Iannucci, invece, riporta gli innumerevoli benefici dell’attività fisica nella terza età, sottolineando come l’escursionismo sappia ridurre il rischio di diabete e ipertensione e sia un metodo efficacissimo per mantenere il peso forma, allontanare ansia e depressione, favorire le prestazioni cognitive purché praticato con costanza e avendo piena consapevolezza dei propri limiti.
Nei contributi di Mario Comper e Ezio Etrari si ripercorrono infine le tappe che portano un uomo a legarsi alla montagna in modo così intimo e forte da non poterne più fare a meno. Le vette, i boschi, la roccia, gli uccelli, il vento aiutano a ritrovare i propri pensieri e una dimensione intima e introspettiva. Camminare insegna soprattutto la bellezza della fatica. E la montagna sa stancare come poche altre cose nella vita: di fronte a una vetta, a una salita in grande pendenza, a un sentiero ricoperto di fango e neve bisogna raccogliere tutte le proprie forze per resistere e andare avanti. Ma sa anche regalare, a qualsiasi età, bellissime lezioni di vita, che passano attraverso il rispetto della natura, la condivisione e specialmente la solidarietà: quella che ci porta a prenderci sulle nostre spalle lo zaino di un altro compagno di fatiche e di viaggio.

Tutti i diritti riservati
La terza età si mette in cammino
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento