La Parola
stampa

Solitudine

Nel tempo della frammentazione dove la solitudine sembra essere il destino crudele dell'uomo senza scampo, ecco fiorire la possibilità di sceglierla come crogiolo d'amore

Parole chiave: La Parola (25), Solitudine (2), Opinioni (56)

Tutto nell’uomo è ambivalente: temibile o promettente. Così la solitudine, spesso ricettacolo di valenze negative è pur tuttavia costitutiva dell’esistenza: si nasce e si muore da soli. C’è quindi una cattiva solitudine, verso cui la Scrittura è tranchante: «Non è bene che l’uomo sia solo». É sufficienza, isolamento voluto o subito, disamore, rifiuto. Ma Gesù si rende spesso solo: a lottare nel deserto, a pregare e cercare la volontà del Padre, fino a consegnarsi, abbandonato, sulla croce. Ecco la buona solitudine: quando si accetta l’onere della propria unicità e la serietà del proprio destino, quando si impara a stare presso di sé, quando ci si accetta, lieti, nel proprio limite. È in questa solitudine che si può assentire a Dio, alla sua presenza/assenza, per essere grati nell’orazione, liberi e generosi col prossimo, umili custodi, e ospiti, del creato. 
Beata solitudo, crogiuolo d’amore. [A. S.]

Tutti i diritti riservati

Forse ti può interessare anche:

Solitudine
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento