La Parola
stampa

Presenza

"Il compromesso poi è fatale se il credente rinuncia a vivere la propria certezza e si lascia tollerare e proteggere dal temporale".

Parole chiave: Presenza (1), La Parola (38), Opinioni (71)

“La fede non può essere conservata, né può svilupparsi che in simbiosi con tutto quello che costituisce l’attività interna ed esterna dell’uomo. Ogni separazione, quindi, tra la fede e la vita aumenta l’incredulità e l’avvelena mortalmente. È giusto che il soprannaturale rimanga trascendente e non sia umanizzato, nel senso che il regno di Dio si identifichi con le visibili realizzazioni della cristianità che sono sempre creazioni temporali; però deve incarnarsi in ogni valore umano; e ad ogni crescita dell’umanità, ad ogni vero progresso dell’uomo, deve sempre corrispondere una crescita della fede. La fede, nella sua espressione concreta di Chiesa, non può essere un gruppo isolato, o un masso erratico, ma una cattolicità che abbraccia, comprende, ravviva e ricrea ogni cosa. Come il Cristo, essa dev’essere ovunque con una politica di presenza, non con una politica di prestigio”.
[Tratto da: Primo Mazzolari, Della fede, della tolleranza]

Presenza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento