Condiscepoli di Agostino

stampa
Zenti mons. Giuseppe

Agostino afferma che l’amore fraterno è come il fuoco: comincia lambendo i più vicini e poi si estende ai più lontani, fino ai nemici...

Agostino si prodigava giorno dopo giorno perché nella sua comunità cristiana di Ippona si vivesse il comando del Signore, quello dell’amore fraterno reciproco. E perciò non perdeva occasione per parlarne e tenere così viva la coscienza della sua essenzialità...

Solo l’amore che unisce alla Chiesa dimostra la fede e l’amore nei confronti di Cristo. Non è possibile scindere l’amore a Cristo dall’amore alla Chiesa. Per questo, mentre Agostino non si sazia mai di parlare della carità, della verità e dell’unità, esorta, con la forza di una incoercibile passione a tenere saldi l’unità della Chiesa, Cristo, la carità e a non lasciarsi strappare dal corpo della Chiesa.

Dopo aver espresso a grandi linee i motivi di sofferenza di Agostino per le divisioni praticate dentro l’unica Chiesa di Cristo, ne evidenziamo ora la passione per la sua unità che egli considera realizzata su tre linee convergenti: l’amore fraterno come tessuto connettivo; lo Spirito Santo che ne è l’anima vivificante; l’Eucaristia come nutrimento quotidiano. Partiamo dall’esemplarità di Maria che ama la Chiesa con viscere di carità materna. Proprio come madre, Maria ci educa alla carità fraterna.

Agostino, mentre combatte ogni forma di divisione, esalta e favorisce in tutti i modi l’unità nella verità animata dalla carità o, per dirla con altra scansione: l’unità della verità nella carità. Grazie alla carità, tutto ciò che appartiene all’unità appartiene a tutti, per intero. Chi diserta l’unità viola la carità e nulla gli giova...

Molti testi nei quali, suo malgrado, Agostino evidenzia la superbia e l’autoreferenzialità, per così dire trasudano sofferenza, nella consapevolezza di quale e quanto grande male è la divisione, provocata appunto dalla superbia e dall’autoreferenzialità, nel caso specifico quella causata dai donatisti...

Pochi come Agostino hanno sofferto a causa delle divisioni provocate nella Chiesa di Cristo da eresie e da scismi. Senza ombra di dubbio, per Agostino il male più grave che possa colpire la Chiesa è la lacerazione della sua unità o, per usare un termine a lui familiare, della sua compagine, sia attraverso l’eresia che intacca la verità, sia attraverso lo scisma che infrange la carità...

Agostino ha cercato di convincere i fedeli che solo il genere di vita improntato a carità mostra quanto siamo parte dell’unità della Chiesa diffusa su tutta la terra, cioè la Chiesa dei chicchi di grano sparsi su tutta la terra. In altri termini, a suo dire, solo una vita nuova è un canto nuovo...

Per cogliere la pregnanza del senso di unità nella Chiesa in Agostino, occorre, evidentemente, partire da Cristo, come struttura portante dell’unità, in quanto capo del Corpo che è la Chiesa...