Provincia
stampa

Dolcè. Inaugurata la ciclabile che arriva fino in Austria

Sarà possibile arrivare in bicicletta a Verona partendo da Innsbruck. È stato infatti inaugurato nei giorni scorsi il tratto di ciclovia di 21 chilometri che collega Dolcè ad Avio, in Trentino, da dove è possibile poi raggiungere – in tutta sicurezza e attraversando alcuni dei paesaggi più belli d’Italia – la città austriaca lungo una ciclabile che costeggia l’Adige e l’Isarco.

Parole chiave: Dolcè (1), Ciclabile (1), Bicicletta (3), Turismo (10), Ambiente (3), Territorio (3)
Cartina geografica con segnalato il percorso della pista ciclabile

Complice la bella giornata di sole erano tantissimi gli appassionati presenti al taglio del nastro: oltre ai rappresentanti delle istituzioni (sindaci ed ex sindaci di Dolcè, l’assessore regionale alle infrastrutture Elisa De Berti nonché i rappresentanti dei Comuni limitrofi), delle associazioni, della Federazione italiana amici della bicicletta, anche tanti appassionati che hanno visto – nell’inaugurazione – il riconoscimento di una passione che è sempre più in crescita sia come numero di pedalatori sia come indotto.
Il progetto
Il nome completo del tratto inaugurato è Cicladige - Ciclabile Adige Terradeiforti: sono appunto 21 chilometri che collegano il Comune di Dolcè alla frazione di Borghetto, nel Comune di Avio. Il progetto è stato curato con la consulenza della sezione veronese degli Amici della Bicicletta. Braccio “armato” dell’amministrazione comunale in questo progetto è stato il gruppo “La Cavalara”, che ha ripulito i venti chilometri di percorso dove poi è intervenuta l’amministrazione comunale.
Non si è trattato di un lavoro facile: nella stretta valle dell’Adige che attraversa Dolcè, passano l’autostrada A22, la ferrovia e la strada statale. Lo spazio a disposizione era poco, anche perché c’è sempre il rischio di esondazioni dal vicino Adige. Il progetto è andato in porto grazie anche al lavoro del Genio civile: la Regione lo ha ritenuto meritorio e lo ha finanziato con una cifra importante, poco meno di un milione di euro.
«Si tratta di un importante riconoscimento finanziario a sostegno del lavoro che, come Regione, stiamo svolgendo sul fronte della mobilità sostenibile – ha sottolineato con soddisfazione l’assessore De Berti –. Stiamo candidando il Veneto a diventare uno degli snodi più importanti e strategici della rete ciclabile nazionale ed europea».
Legittima soddisfazione anche da parte degli amministratori comunali, con il sindaco Massimiliano Adamoli che ha annunciato che nel giorno di Pasquetta, sulla pista ciclabile non ancora inaugurata ufficialmente, si sono contati più di mille passaggi, con pullmann che arrivavano a Dolcè da Mantova con i carrelli pieni di biciclette.
Dolcè è anche in posizione strategica grazie alla stazione ferroviaria e alla possibilità di trasportare in treno le due ruote. Una serie di fattori che rendono la ciclabile uno snodo fondamentale per «presentare le bellezze del territorio e per dare uno sviluppo turistico alla zona», come ha detto l’assessore regionale De Berti.
Al Comune di Dolcè infatti sono già pervenute richieste per la creazione di “bicigrill”, punti di sosta e di ristoro attrezzati per la manutenzione delle biciclette.

Tutti i diritti riservati
Dolcè. Inaugurata la ciclabile che arriva fino in Austria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento